Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto Aci S.Antonio, oltre un milione di danni

Redazione

Quasi mille richieste di sopralluoghi ad Aci Sant’Antonio, con centinaia di abitazioni che già dopo la metà di quelli effettuati si mostrano inagibili. Ma l’ente, con i suoi uffici e la collaborazione di vigili del fuoco e protezione civile, non si è mai fermato: dopo l’importante riapertura della Chiesa Madre in vista della sentitissima festa del Santo Patrono Antonio Abate, si punta a mettere a posto velocemente tre delle scuole che hanno presentato danni e a dare a tutte le famiglie coinvolte le risposte che aspettano per potere andare oltre quella terribile notte del 26 dicembre

Adesso si sta cercando di stimare i danni sull’intero territorio, cercando di mettere sotto gli occhi una cifra realistica che guardi anche alle ricadute in termini di impresa. Perché numerose sono le aziende che operano sul vasto territorio santantonese in svariati settori, e alcune di queste mostrano ferite di rilievo. Tra le strutture private spicca la Sifi Spa, un’importante azienda farmaceutica che opera nel campo oftalmologico e presenta in elenco di produzione oltre 50 specialità farmaceutiche e dispositivi chirurgici e medici. 

L’enorme edificio, costruito con criteri antisismici, risalta sul territorio ai piedi dell’Etna, stagliandosi solitario in una vastissima area fra la montagna e il mare. All’indomani del terremoto, nonostante la struttura abbia retto incredibilmente bene, si è avviata una conta dei danni che sul momento è parsa aggirarsi attorno alle cinquecentomila euro ma che al momento è in corso di stima. Non sono stati registrati importanti cedimenti strutturali e lo stabilimento della produzione chirurgica sta ripartendo (il via è previsto per la fine di gennaio), grazie ai lavori di riparazione che da subito sono stati messi in opera. Per quanto riguardo lo stabilimento farmaceutico, l’edificio non ha riportato danni strutturali sostanziali, in quanto realizzato con criteri antisismici. 

I periti incaricati e il personale tecnico hanno prontamente effettuato una prima valutazione dei danni e, contestualmente, la mappatura delle zone agibili, per consentire l’accesso ai dipendenti e non interrompere l’operatività amministrativa. Tuttavia sono stati rilevati estesi danni murari, in particolare nelle aree Ricerca e Sviluppo, Produzione, comunque non riferibili ad aree sterili, e Magazzino. Pertanto, allo stato attuale, sono state sospese le attività produttive, per le opportune verifiche tecniche sia nello stabilimento dei dispositivi medici chirurgici che nell’area dispositivi medici e farmaci. Entro il mese di aprile si prevede il ristabilimento delle condizioni pre-sisma e, pertanto, il ripristino di tutte le attività produttive nell’area dispositivi medici e farmaci. 

Per certi versi è andata peggio al villaggio San Giuseppe, un importantissimo centro di riabilitazione, con trentadue ospiti di ambo i sessi per i servizi a tempo pieno (assistenza medica, sociale, scolastica e quant’altro) e sessantaquattro utenti ambulatoriali (per logopedia, psicomotricità, neuromotoria). La struttura, che sorge su un’enorme area verde ai piedi dell’Etna, conta inoltre settantacinque dipendenti, e questo restituisce un altissimo numero di persone al momento coinvolte dal post-sisma considerando le famiglie di tutti e dovendo giocoforza prendere in considerazione anche le attuali centoventi richieste presenti nella lista di prenotazione ambulatoriale. 

Dei diversi edifici che compongono l’intera struttura (con dormitori, cappella, refettorio, sala da pranzo, dispensa, aule, locali per le terapie etc) tre moduli hanno subito importantissimi danni strutturali, mostrando soprattutto in uno di questi i pilastri provati dalla scossa che attualmente evidenziano la fatica a sopportare il peso della struttura che reggono, col cemento paurosamente frantumato nella parte di collegamento con le travi e tenuto a stento dalle gabbie di ferro che sembrano dover cedere da un momento all’altro. 

Questa parte, chiaramente totalmente inagibile, per ironia della sorte è quella di costruzione più recente (nei primi due moduli ospitava già uffici e dormitori, mentre la terza – la più danneggiata – aveva ancora bisogno di ottenere l’agibilità): il resto della struttura, inaugurato nel 1968 (curiosamente l’anno del violentissimo terremoto del Belice), ha retto benissimo, mantenendo la promessa della sicurezza antisismica con la quale era stato messo in piedi, mentre queste nuove edificazioni, realizzate con fondi regionali (e che quindi hanno visto i lavori eseguiti su base della convenzione con la quale si è attinto a tali fondi) hanno mostrato una disarmante, inattesa precarietà, che attualmente li rende dei pericolosissimi ed enormi scheletri. 

Per di più era stato da poco acceso un mutuo dallo stesso villaggio San Giuseppe, per rendere operativa questa nuova ala della struttura sulle quale erano state depositate enormi aspettative. «Il piano d’evacuazione ha funzionato e grazie a Dio nessuno, fra il personale e i quindici ospiti presenti quella notte che era ancora di festa, si è fatto male. Adesso abbiamo accorpato uffici e dormitori, e posso dire che non ci siamo mai fermati: non possiamo», dichiara la direttrice della struttura, Marianna Ricupero, che insieme alla direttrice sanitaria, Paola Pane, alla psicologa, Maria Trovato e alla psichiatra, Maria Ida Contarino, evidenziano l’enorme danno che il sisma ha provocato, stimato in oltre un milione di euro. 

«Il problema, oltre all’evidente disastro strutturale - sottolinea Paola Pane - sta nel danno al progetto d’impresa: eravamo pronti per offrire più servizi, coinvolgere un’utenza maggiore e altri lavoratori, che a causa di quanto è successo adesso chiaramente non potranno usufruire di quanto speravamo di offrire». La paura, adesso, è che si spengano i riflettori. Dopo la visita del Vicepremier Di Maio e del Presidente della Regione Musumeci, ora si teme una fase di oblio che potrebbe avere pericolose ricadute sul futuro. 

«La volontà di andare avanti, chiaramente, c’è, le famiglie di chi si rivolge a noi ci sono e noi facciamo il possibile, andiamo oltre i nostri limiti - spiega Mara Trovato - ma abbiamo paura che questo non basti: il giorno prima eravamo pronti ad allargare il nostro orizzonte, stavamo per partire con importanti nuovi progetti frutto della fatica di anni, e il giorno dopo ci siamo trovati ridimensionati, costretti addirittura a fare dei passi indietro. Speriamo adesso che non ci si scordi di noi». 

Il sindaco di Aci Sant’Antonio, Santo Caruso, si affianca all’appello: «Noi come ente siamo vicini alle strutture colpite e cercheremo di porre l’attenzione su chi vede un freno sul proprio futuro. Sappiamo bene che la Sifi e il villaggio San Giuseppe rappresentano dei punti di riferimento con caratteristiche uniche, e non possiamo permettere che i danni subiti ne compromettano l’operatività. Chiaramente faremo la nostra parte e cercheremo di dare l’aiuto giusto nel migliore dei modi a nostra disposizione: non possiamo però essere i soli, e non smetteremo di fare sentire in questo senso la nostra voce».

(Fonte: Comune di Aci Sant'Antonio)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.