Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, è fatta per il doppio colpo Di Piazza-Palumbo
Ora caccia all'esterno: si continua a trattare per Sarno

Nella serata di ieri la società etnea ha chiuso le trattative per due arrivi importanti. Approderanno oggi a Catania l'attaccante ex Lecce Matteo Di Piazza e il centrocampista della Samp Antonio Palumbo. Prosegue la trattativa per arrivare a Vincenzo Sarno

Giorgio Tosto

In casa rossazzurra sono arrivati gli ultimi due pezzi che comporranno il puzzle di un Catania chiamato a un girone di ritorno pressoché perfetto. La serata di ieri, frenetica come tutte quelle che caratterizzano la sessione invernale di calciomercato, ha infatti portato notizie importanti per i tifosi. L'attaccante Matteo Di Piazza e il centrocampista Antonio Palumbo sono a tutti gli effetti due calciatori etnei: l'ufficialità arriverà nelle prossime ore, ma nella sostanza la rosa di Sottil si è già rinforzata con due pezzi da novanta dal peso specifico potenzialmente molto elevato nella corsa alla Serie B.

Matteo Di Piazza, classe 1988, arriva alla corte di Andrea Sottil dopo un tira e molla con il Cosenza conclusosi nel migliore dei modi per gli etnei. Il giocatore ha infatti rescisso il suo contratto con la società calabrese (che milita in serie B, ndr) e va a firmare un accordo con la società di via Magenta che lo equiparerà ai migliori calciatori rossazzurri, in termini d'ingaggio. Pur essendo una punta centrale, poi, il calciatore nato a Partinico è anche un prezioso jolly d'attacco, essendo in grado di giocare anche come esterno offensivo. Elemento non da poco, Di Piazza può essere anche considerato un talismano: le sue ultime due esperienze in Serie C, con Foggia e Lecce, sono infatti coincise con altrettante promozioni nella categoria superiore.

Anche Antonio Palumbo è un acquisto che, in mezzo al campo, può spostare gli equilibri. Grande protagonista lo scorso anno a Trapani, il calciatore classe 1996 è rientrato alla Sampdoria dalla Salernitana, per essere girato in prestito ai rossazzurri. Nell'operazione rientra anche il passaggio in blucerchiato del diciassettenne attaccante rossazzurro Lorenzo Di Stefano, convocato nella nazionale Under 17. L'arrivo del forte centrocampista, a cui si aggiunge quello di Giuseppe Carriero, potrebbe coincidere con una partenza eccellente nel reparto mediano. L'indiziato numero uno sembra essere Federico Angiulli, autore finora di una stagione con tanti alti e bassi.

Il mercato in entrata del Catania non è finito qui. Potrebbe essere ufficializzato oggi, infatti, l'arrivo di un giovane esterno d'attacco dalla serie D. Si tratta di Michael Liguori, classe 1999 che quest'anno milita nella squadra abruzzese del SN Notaresco, in cui ha collezionato 4 reti in 21 presenze. L'attesa più grande, però, è relativa al colpo che la società rossazzurra sta preparando per chiudere il cerchio nel reparto offensivo. Serve un esterno d'attacco e, finora, la priorità è quella di arrivare a chiudere le trattative con Vincenzo Sarno. Il Padova ha la volontà di cedere il calciatore, ormai fuori dal progetto tecnico dell'allenatore Pierpaolo Bisoli. Il problema è legato a richieste d'ingaggio che sono superiori al tetto stabilito dal Catania. La pazienza di Pietro Lo Monaco non è infinita e, a breve, si potrebbe cambiare obiettivo: continua a piacere il parmense Yves Baraye.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×