Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comunali, caos conteggio anche a Palermo
Orlando scenderebbe al 30 per cento

Orlando versus Ferrandelli: sarà una sfida tutta interna al centrosinistra quella che deciderà il nuovo sindaco del capoluogo siciliano. Il grande sconfitto è Massimo Costa, candidato del Pdl che, nel fortino berlusconiano, si ferma al 12 per cento. Ad Agrigento e Trapani sarà un testa a testa nel centrodestra tra Terzo Polo e Pdl. Mentre le recenti modifiche alla legge elettorale regionale potrebbero influire sui risultati delle elezioni in alcune città: è successo nella notte ad Misterbianco ed Erice, dove il verdetto iniziale è stato ribaltato. E qualcuno comincia ad ipotizzare che anche nel capoluogo di regione siano stati sbagliati i conti

Salvo Catalano

Bisognerà aspettare altri 15 giorni per conoscere i nuovi sindaci di Palermo, Agrigento e Trapani. Nelle tre città siciliane più importanti tra quelle chiamate al voto è finita con tre ballottaggi, uno interno al centrosinistra, due tra candidati di centrodestra. Ma intanto anche nei capoluoghi di provincia tiene banco la disputa tra Comuni e Regione sui conteggi delle schede.

A Palermo, Leoluca Orlando, alla sua quarta candidatura, sostenuto da Idv e Federazione della Sinistra, secondo l'ufficio elettorale del comune, ha ottenuto il 47,35 per cento andando vicino ad una clamorosa vittoria al primo turno. Un exploit del personaggio, molto conosciuto a Palermo. «Questa legge elettorale (che permette il voto disgiunto tra candidato sindaco e consigliere ndr) aiuta l’affermazione del più noto che raramente è anche il più giovane», ha commentato a caldo il governatore Raffaele Lombardo, che non andrà certo d’accordo con Orlando, definito «uno sciacallo, che parla in modo vomitevole e disonesto», ma che in questo caso qualche ragione ce l’ha. L’ex sindaco della primavera palermitana se la vedrà al secondo turno con Fabrizio Ferrandelli, il candidato venuto fuori dalle discusse primarie del centrosinistra e sostenuto da Pd e Sel, che ha raccolto il 17,39 per cento delle preferenze. Crolla il centrodestra: Massimo Costa, candidato del Pdl e dell’Udc, partiti fino a ieri padroni incontrastati di Palermo e oggi fuori persino dal secondo turno, ottiene il 12,61 per cento dei voti. Un dato che certifica la scelta sbagliata della persona, visto che le liste che sostenevano Costa hanno ottenuto il triplo delle preferenze del candidato. E poi ci sono le macerie. Quelle del Pdl, che si è sbriciolato nel suo fortino (a Palermo è all’8,31 per cento, superato dall’Idv al 10,28 per cento). Dietro Costa si piazzano, a non molta distanza, i candidati del centro: Alessandro Aricò, sostenuto da Mpa e Fli, ottiene l’8,75 per cento, Marianna Caronia, del Pid, raggiunge il 7,18 per cento.

Se i rapporti di forza sono questi, i numeri però potrebbero essere ridimensionati. Tutte le percentuali, afferma una nota dell'Assessorato regionale alle autonomie locali, vanno riviste al ribasso. Così, secondo una nuova ipotesi, Orlando e Ferrandelli andrebbero sì al ballottaggio ma forti rispettivamente del 30 e del 10 per cento. A Palermo come in moltissimi altri comuni. Frutto delle recenti modifiche alla legge elettorale regionale. Il pasticcio sembrano averlo combinato i Comuni sbagliando i calcoli. Le modifiche apportate l'anno scorso alla legge elettorale regionale impediscono il cosiddetto "effetto trascinamento", cioè se si vota esclusivamente per una lista che lo sostiene la preferenza non viene automaticamente assegnata anche al candidato sindaco. E viceversa. Al momento, però, di calcolare la percentuale delle preferenze ai singoli candidati, tornano in ballo anche i voti dati alle liste e ai candidati al consiglio comunale. Secondo la legge, la divisione da fare è tra il numero dei voti ottenuti dal singolo candidato e il totale dei voti validi: dati sia ai candidati che alle liste quindi.

In alcuni Comuni, invece, i voti per i singoli candidati sarebbero stati divisi per il numero totale di voti espressi per i candidati sindaci e non anche per le liste. Un conteggio che fa alzare le percentuali. «Non ci è stato comunicato nulla, noi prendiamo per buoni i dati che continuano ad affluire sul sito del Comune», replicano dallo staff di Fabrizio Ferrandelli. Dati non ufficiali, però, sottolinea la Regione.

E Palermo non sarebbe l’unico caso. Le regole della nuova legge elettorale sono risultate decisive ad Erice, dove fino alle tre di stanotte era dato vincente al primo turno Giacomo Tranchida, candidato di Pd e liste civiche, con una percentuale che superava il 60 per cento. Poi è intervenuta la Regione a rifare i conti. Niente vittoria al primo turno quindi, ma ballottaggio con il candidato del centrodestra Giuseppe Grimaldi. Stessa situazione anche a Villabate, Misterbianco e Sciacca.

Tornando ai risultati così come comunicati dai Comuni c'è da rilevare che se Orlando vince da solo a Palermo, Marco Zambuto, sindaco uscente, fa lo stesso ad Agrigento. Sostenuto nel 2007 dall’Udeur e da una coalizione di centrosinistra, poi avvicinatosi ad Alfano e al Pdl, Zambuto questa volta ha corso con l’unico appoggio dell’Udc. E ha avuto ragione, ottenendo il 34,33 per cento di preferenze. Al ballottaggio se la vedrà con Totò Pennica, candidato di Pdl e Grande Sud, che è arrivato secondo con il 19,17 per cento. Terza Maria Lo Bello (Terzo Polo e Pd), ferma al 14,20 per cento. Oltre alla Lo Bello, esce sconfitta, in questo caso, l'alleanza che tiene in piedi il governo regionale di Raffaele Lombardo. Altro ballottaggio interno al centrodestra a Trapani. A contendersi la poltrona di primo cittadino saranno Peppe Maurici, candidato del Terzo Polo, primo con il 27,28 per cento, e l’ex generale dei servizi segreti Vito Damiano, scelto dal Pdl, partito che dal 1998 (prima Fi e An) governa la città, giunto secondo con il 19,72 per cento. Tra quindici giorni gli ultimi verdetti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews