Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bellini e Stabile, protesta cantata
Dipasquale: «Con i tagli a rischio chiusura»

Un taglio del 30% dei fondi nell'ultima finanziaria regionale ha portato i dipendenti del massimo Bellini e dello Stabile di Catania ad attuare una protesta in musica oggi in piazza Università. «Così si mette a rischio il presente dei teatri e dei lavoratori» denuncia il direttore dello Stabile Giuseppe Dipasquale. Seicento i dipendenti a rischio

Leandro Perrotta

Cantano e suonano, prima in piazza Università e poi davanti alla prefettura. Sono i musicisti del teatro massimo Bellini di Catania, che insieme agli attori del teatro Stabile oggi protestano per un taglio del 30 per cento dei contributi ai due enti culturali, previsto dall'ultima finanziaria regionale. «Un taglio sull'oggi, di un contributo che era di 3 milioni 690 mila euro, e che è ridotto a 2 milioni 430 mila euro». Giuseppe Dipasquale, direttore del teatro Stabile, dà i numeri sullo stato attuale: con un milione di euro in meno, «gli impegni già presi non potranno essere mantenuti, compresi quelli con i 250 lavoratori. Speriamo in una correzione della finanziaria». Una situazione che fa il paio con quella del teatro lirico catanese: circa 350 lavoratori e spese ingenti per gli allestimenti. «Sei milioni di euro non sono sufficienti nemmeno a pagare gli stipendi» dichiara Nino Scriba, sindacalista della Slc-Cgil, mentre gli orchestrali, che si sono esibiti in piazza Università, faticano a comprendere i tagli. «Il teatro ha aumentato di oltre il 30 per cento gli abbonamenti» spiega infatti Gioacchino Giuliano, pima tromba dell'orchestra del teatro massimo.

[youtube

In piazza oggi anche scenografi, semplici operai e personale amministrativo. E giovani attori come Alberto Mica. «Mi sono diplomato all'accademia dello Stabile nel 2010, e adesso da neo assunto la situazione è incerta, possiamo solo protestare», dichiara Alberto, che non esclude di «Andare fuori da Catania, perché non si possono garantire i progetti futuri». In marcia, nel breve tragitto che porta alla prefettura, i giovani attori dello Stabile portano delle falci, che simboleggiano i «Violenti tagli alla cultura». Parte il canto del coro con «Nessun dorma», e davanti al palazzo del Governo una folla di passanti applaude, «Come ogni sera al teatro» assicura un manifestante.

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews