Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Elezioni Aci Castello, primarie dividono Forza Italia
Giuffrida non piace a tutti. Le carte di Sammartino

Una schiera variegata, tanto che il timore è che le divisioni interne, alla fine, non riescano a ricomporsi. Gli elettori castellesi potrebbero, infatti, ritrovarsi a dover fare i conti con un quadro molto frammentato. E il dialogo pare diventare uno stallo

Francesco Vasta

A prima vista, il centrodestra potrebbe mettere in piedi una corazzata di tutto rispetto. Ma il timore è che le divisioni alla fine non riescano a ricomporsi, consegnando agli elettori di Aci Castello un quadro che più frammentato non si può. Il dialogo fra le forze al lavoro per le Amministrative della prossima primavera pare, infatti, giunto a uno stallo difficilmente superabile senza qualche passo indietro da parte dei numerosi aspiranti eredi di Filippo Drago. Il sindaco, non più ricandidabile ed epurato dalla Lega a trazione Fabio Cantarella-Anastasio Carrà, assiste al proliferare delle aspirazioni specie in seno alla sua giunta. Sono almeno tre i suoi assessori che lavorano a una candidatura a primo cittadino, destinati peraltro a scontrarsi in coalizioni contrapposte. In maggioranza, d'altronde, hanno finora convissuto sia gli ex Articolo 4 legati al deputato Pd Luca Sammartino sia esponenti oggi tutti riconducibili all'alveo di Forza Italia

In pole pare scattare la vicesindaca Ezia Carbone, oltre 400 voti nel 2014 fra le file dell'Ncd di Pino Firrarello e Giuseppe Castiglione, oggi rientrati nel partito di Berlusconi. A lei guarderebbe con favore lo stesso Drago e gran parte del centrodestra finora al governo della cittadina. In gioco c'è poi l'ipotesi dell'assessore ai Servizi sociali Sebastiano Romeo, primo degli eletti in FI cinque anni fa. Vorrebbe invece far saltare gli equilibri forzisti il commercialista Tito Giuffrida, fedelissimo del deputato Ars Alfio Papale. Per lui la campagna elettorale è già partita sull'onda di esternazioni anti-Drago che hanno, però, indispettito mezzo centrodestra castellese. «Lui vuole prendere le distanze dall'amministrazione ma come facciamo a sostenerlo, se finora siamo stati in maggioranza?», si chiede qualcuno degli addetti ai lavori. A sparigliare ulteriormente le carte è arrivata poi l'idea di celebrare le primarie del centrodestra. Dalla Legafatto fuori Drago, il partito è stato affidato ad Angelo Murabito e al consigliere ex lombardiano Santo Grasso - e dal deputato Papale subito reazioni positive, molto più freddo il resto di una coalizione che ancora non c'è

Una schiera variegata, dunque, cui sono riconducibili anche i movimenti in casa Fratelli d'Italia - cui si è avvicinato il consigliere ex Pd Mario Conti - e le oscillazioni sinistra-destra di Sicilia futura. Fra gli uomini del deputato Ars ex renziano Nicola D'Agostino mostra attivismo il consigliere Antonio Maugeriall'opposizione di Drago. In campo, inoltre, per una lista che potrebbe legarsi al centrodestra il consigliere Franco La Rosa e l'ex sindaco Turi Mirabella

Nel centrosinistra, invece, la scena se la prendono altri due esponenti della maggioranza di Drago. L'assessore al Verde pubblico, Salvo Danubio, centrista ora legato al Pd in quota Sammartino, pare intenzionato a correre per la sindacatura ma potrebbe anche lasciare spazio al presidente del consiglio Carmelo Scandurra, ex An entrato anche lui in area dem. Un nome, poi, lo spenderà il Movimento 5 stelle in odor d'exploit. Già nel 2014 i pentastellati, allora guidati da Leda Adamo, riuscirono a portare in aula il consigliere Antonio Bonaccorso

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×