Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, riscuoteva pizzo in una officina a Mascalucia
In carcere 28enne presunto affiliato ai Santapaola

La squadra mobile di Catania ha messo le manette al pregiudicato Alessandro Bonanno, che secondo i pm, ogni mese, «chiedeva» duecento euro a un negozio di riparazioni di pneumatici. Contestata l'aggravante mafiosa. Guarda la foto 

Redazione

Nella mattinata odierna, su delega della procura distrettuale della Repubblica - direzione distrettuale antimafia - di Catania, la polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa in data 7.1.2019 dal Gip del tribunale di Catania, nei confronti di Alessandro Bonanno, classe 1990, pregiudicato, ritenuto responsabile, in concorso con altri, del reato di estorsione, con l’aggravante di avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di assoggettamento e di omertà derivanti dall’appartenenza all’associazione mafiosa denominata Cosa nostra clan Santapaola-Ercolano, al fine di agevolare l'attività dell'associazione medesima.

Alessandro Bonanno, 28 anni, pregiudicato

Il provvedimento restrittivo compendia gli esiti di attività di indagine, delegata dalla procura distrettuale antimafia di Catania alla locale squadra mobile, a seguito delle dichiarazioni rese da un collaboratore di giustizia in ordine a condotte estorsive poste in essere da partecipi dell’associazione mafiosa Santapaola-Ercolano ai danni del titolare di un’officina di riparazione pneumatici sedente a Mascalucia.

Le indagini condotte dalla squadra mobile, sezione reati contro il patrimonio squadra anti racket, hanno permesso di accertare che esponenti dell’area pedemontana etnea (comuni di Nicolosi, Pedara e Mascalucia) della cosca mafiosa Santapaola-Ercolano hanno costretto la vittima, dal gennaio 2016 sino all’ottobre 2017, con minaccia consistita nel far valere la loro appartenenza all'anzidetta associazione mafiosa, a pagare mensilmente la somma estorsiva di 200 euro.

Tra i soggetti che nel corso degli anni si sono avvicendati nella riscossione del c.d. “pizzo” è stato individuato il citato Alessandro Bonanno, destinatario della misura cautelare in parola, il quale è stato arrestato da personale della squadra mobile di Catania. Espletate le formalità di rito, Alessandro Bonanno è stato associato presso la casa circondariale di Catania Bicocca. 

(Fonte: questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×