Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nascondeva droga a casa, pusher arrestato
«Se entrate vi vengo a cercare e vi sparo»

In manette Marco Di Leo, 27 anni e già noto alle forze dell'ordine. L'uomo si sarebbe rifiutato, almeno in un primo momento, di fare entrare nella sua abitazione i militari. All'interno aveva 25 dosi di marijuana e un bilancino elettronico di precisione

Redazione

«Se entrare vi vengo a cercare e vi sparo». Sono le parole che avrebbe pronunciato Marco Di Leo all'indirizzo di alcuni carabinieri. Gli stessi che si erano presentati a casa dell'uomo, residente a Paternò, per effettuare una perquisizione mirata per scovare l'eventuale presenza di droga.

Di Leo, già conosciuto dalle forze dell'ordine e sottoposto all'obbligo di residenza per reati contro il patrimonio commessi in provincia di Siracusa, nascondeva 25 dosi di marijuana, trovate nel fondo di una pattumiera, un bilancino elettronico di precisione nonché del materiale utilizzato dagli spacciatori per confezionare lo stupefacente. A conclusione della perquisizione per il 27enne sono scattati gli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×