Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Picchiava il padre 89enne per riscuotere pensione
In manette la figlia. Decisive segnalazioni dei vicini

Sono stati anni infernali per la vittima, costretta a vivere in condizioni precarie dal 2014. La sua aguzzina adesso si trova detenuta nella casa circondariale di piazza Lanza, dovrà rispondere di maltrattamenti, estorsione e sequestro di persona

Redazione

Foto di: Ichigo121212

Foto di: Ichigo121212

Sono stati anni d'inferno per un 89enne di Tremestieri Etneo. Finito nel mirino della figlia, M.M. di 50 anni, che dal genitore avrebbe pretesto continue elargizioni di denaro, ma non solo. La donna, secondo quanto ricostruito dai carabinieri su delega della procura di Catania, avrebbe costretto l'uomo a recarsi da un notaio per farsi intestare gli immobili di famiglia. Operazione che però non si è conclusa per il rifiuto dell'anziano e la successiva denuncia ai militari. Adesso la figlia, che si trova detenuta nella sezione femminile della casa circondariale di piazza Lanza, dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e sequestro di persona

Già nel 2016, dopo la denuncia dell'89enne, alla figlia era stato imposto di allontanarsi dalla casa familiare, con il divieto di avvicinamento alla vittima. Rimasto solo l'uomo, stando alla ricostruzione delle forze dell'ordine, aveva deciso di trasferirsi in una comunità per anziani. Ma la pace è durata poco. Perché la figlia, cambiando atteggiamento e con la promessa di non tormentarlo più, lo avrebbe costretto a fare ritorno a casa. Subito dopo sarebbero ricominciate le vessazioni, con schiaffi, spintoni e lancio di oggetti. Tutto per riscuotere la pensione del genitore, più volte costretto anche a fare ricorso alle cure dei medici. 

Decisive sono state le segnalazioni di alcuni vicini di casa. Che hanno consentito alle forze dell'ordine di ricoverare la vittima in una casa per anziani. Mentre per la figlia si sono aperte le porte del carcere. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×