Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Da Santa Venerina alla Cina, un tecnico giramondo
Pappalardo si racconta: «Trattato da professionista»

L'allenatore etneo, 33 anni, due lauree alle spalle e un percorso da allenatore cominciato dieci anni fa ad Acireale, ha deciso di replicare l'esperienza in Spagna. Stavolta in Mongolia Interna, dove il calcio è appena sbarcato per volontà del governo cinese

Giorgio Tosto

Foto di: Profilo Facebook Salvatore Pappalardo

Foto di: Profilo Facebook Salvatore Pappalardo

Settemilacinquecento chilometri, in linea d'aria. È questa la distanza tra Santa Venerina e Bayannur, Mongolia Interna (una regione della Cina), a due passi dal confine tra Repubblica Popolare Cinese e Mongolia. Una città di un milione e settecentomila abitanti a circa due ore di volo da Pechino, sconosciuta ai più. Lo era, fino a qualche mese fa, anche per Salvatore Pappalardo, 33 anni, tecnico reduce dall'esperienza con lo Sporting Viagrande (Promozione) nella scorsa stagione, come allenatore in seconda. La volontà di esplorare nuovi confini e di trovare giusta dignità e retribuzione al suo lavoro lo ha spinto a lasciare nuovamente la Sicilia, dopo avere allenato nella stagione 2016-2017 in una squadra giovanile di Maiorca (Spagna).

«Circa due anni fa - racconta Pappalardo a MeridioNews - ho cominciato a leggere di importanti investimenti e di nuove opportunità lavorative, in paesi come Cina, Emirati Arabi e Stati Uniti. Su internet non c'è un vero posto dove poter trovare un contatto con queste realtà, se non a pagamento. Così - prosegue il mister - ho cominciato a vedere se ci fosse qualcosa su Facebook, trovando il gruppo Allenatori in Cina. Dopo un paio di candidature andate a vuoto, lo scorso aprile sono stato scelto, prendendo poi contatto con la scuola di Bayannur grazie a Michele Luzi, mio predecessore».

Il suo ruolo è quello di insegnare calcio in un istituto superiore ad indirizzo sportivo. Un lavoro arrivato dopo un iter burocratico estenuante, per ottenere tutti i documenti necessari a potersi trasferire in Asia. La volontà, a livello governativo, è quella di espandere il calcio ad ogni angolo della Cina. «Parto da una programmazione stagionale - specifica Pappalardo - che poi si declina in obiettivi mensili e settimanali. Accompagno inoltre l'attività in campo con interventi formativi a carattere teorico. La scuola mette a disposizione aule cineforum, computer e quant'altro. In generale faccio due sedute giornaliere - prosegue l'intervistato - una al mattino e una al pomeriggio per cinque giorni a settimana. Il sesto dipende da eventuali partite».

Il calcio, in Cina, non gode del seguito e della conoscenza che possono vantare i paesi europei e sudamericani. Le difficoltà, nel lavoro di tutti i giorni, non mancano affatto: in primis, a livello comunicativo. «Nessuno dei ragazzi ha un livello di inglese sufficiente - ammette il mister - così devo sempre avvalermi del mio interprete che, per quanto sia bravo nella traduzione, non possiede un linguaggio tecnico». Ci sono anche problemi di natura attitudinale: «I miei alunni non hanno, almeno qui, alcuna idea dei principi di allenamento. Ho dovuto modificare, per questo, programmazione e metodi di lavoro. Nonostante il governo spinga a una diffusione maggiore, il calcio a Bayannur - ricorda Pappalardo -  è solo un passatempo. Non c'è neanche una squadra che rappresenti la città nei campionati cinesi». 

La convivenza con temperature che a gennaio possono anche arrivare a -20° non è problematica. Ciò che conta, nel valutare la qualità della vita, è ben altro: «Finalmente qui  - osserva con orgoglio il tecnico etneo - riesco ad essere trattato come un professionista dell'insegnamento del gioco, in tutti i sensi». A mancare sono, chiaramente, gli affetti: «La mia ragazza - ricorda Salvatore - il mio cane e qualche uscita con gli amici più cari». La Sicilia però, nonostante un'esperienza al Calcio Catania come allenatore dei portieri nelle giovanili, non è nei suoi orizzonti : «Ho già fatto l'errore di rientrare dalla Spagna nella scorsa stagione: a meno di proposte veramente importanti, non tornerò in Italia». La forza di coltivare i propri sogni, è proprio il caso di dirlo, permette di valicare barriere ai più insormontabili.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×