Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'Osservatorio di Etna nord nel mirino dei vandali
Forzato un ingresso, il ghiaccio invade la struttura

Per una finestra-ingresso rimasta aperta dopo un'intrusione, un ambiente dell'edificio a quota 2800 è stato reso impraticabile dalla neve. «Non è la prima volta», spiega il direttore Eugenio Privitera avanzando un'idea per l'apertura al pubblico del bene

Francesco Vasta

Foto di: Massimo Cantarero

Foto di: Massimo Cantarero

La scoperta, in realtà, è stata compiuta lo scorso 17 gennaio. Quando cioè il gelido inverno del vulcano ha dato una tregua consentendo agli uomini dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) di Catania di raggiungere quota 2800 metri. Ovvero dove è situato l'Osservatorio vulcanologico di Piano delle Concazze, avamposto sul versante nord dell'Etna per la ricerca scientifica ma non solo. 

Ignoti, nelle scorse settimane, avrebbero forzato una delle finestre-ingresso posta su una delle cupole che compongono la struttura, gestita dall'Ingv etneo. L'effetto di quello che, a prima vista, potrebbe sembrare uno dei soliti vandalismi che spesso si registrano sull'Etna, lo documentano le foto postate online dagli stessi tecnici dell'istituto. Una camera dell'Osservatorio, utilizzata come studio ma anche per dei posti letto, è stata invasa dalla neve, naturalmente assai abbondante a tali quote. La finestra, dopo l'intrusione nella struttura, è infatti rimasta aperta, lasciando l'Osservatorio alla mercé di bufere e ghiaccio. 

L'Osservatorio di Etna nord libero dalla neve

«Non è la prima volta che accade - spiega a MeridioNews Eugenio Privitera, direttore dell'Ingv di Catania - ma spesso si tratta perlopiù di escursionisti in cerca di un riparo». Potrebbe esserci questa motivazione dietro anche l'ultima effrazione. «Dall'Osservatorio, del resto, non è stato rubato nulla», precisa Privitera. Insomma, ordinaria amministrazione per un simile presidio di frontiera. A quota 2800 l'Ingv concentra le sue attività perlopiù in estate, accogliendo anche una Scuola di geochimica dei vulcani e spesso ricercatori provenienti dall'estero con il desiderio di lavorare in un luogo con caratteristiche uniche. L'Osservatorio, nel cui ventre ci sono anche due tunnel che si fanno strada per 80 metri nel sottosuolo dell'Etna, ospita strumentazioni di ricerca come una stazione sismica, un interferometro e una stazione magneto-tettonica. «Tutte attrezzature che gestiamo a distanza», specifica il direttore Ingv.

Per evitare le intrusioni, i ricercatori etnei una proposta l'hanno pure formulata in passato. Alcune stanze dell'Osservatorio sono state infatti affidate al Comune di Linguaglossa che da tempo vorrebbe utilizzarle per promuovere le specificità del territorio. In realtà, finora, l'apertura al pubblico o ai turisti dell'Osservatorio è stata più un'eccezione che la regola. «Quegli spazi si potrebbero invece usare come un rifugio alpino, ce ne sono già altri sull'Etna, ad esempio a Monte Scavo - aggiunge Privitera - offrendo così un punto di riferimento con accesso libero per gli escursionisti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×