Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scacco alla mafia nigeriana, nel mirino gang dei Vikings
Fermati capi e picchiatori tra il Cara di Mineo e Catania

Il blitz è scattato due notti fa, mettendo in luce una presunta organizzazione che si sarebbe rifatta alle regole di Cosa nostra. Nei giorni scorsi MeridioNews aveva dedicato al tema un lungo approfondimento, andando a caccia di un barone della droga

Dario De Luca

Escono alla spicciolata scortati dai poliziotti in borghese. Lo sguardo perso nel vuoto e i volti segnati dall'assenza di sonno. Pochi secondi per entrare, uno alla volta, nelle macchine della polizia. Nessuna sirena e niente clamore per annunciare il trasferimento in carcere. Il resto della storia la scriverà un giudice consultando un provvedimento di poche pagine. Sintesi di un’informativa ben più corposa, frutto di un complesso lavoro durato mesi. Quelle persone, tutte nigeriane, secondo quanto MeridioNews è in grado di svelare in esclusiva sono accusate di fare parte di un culto mafioso africano, attivo tra il Centro d’accoglienza per richiedenti asilo di Mineo e Catania. Quasi venti persone fermate due notti fa e i cui nomi, almeno per il momento, vengono tenuti sotto il più stretto riserbo. In mezzo c’è la presunta affiliazione alla gang dei Vikings. Gruppo criminale transnazionale nato in ambito universitario e in parte convertito al mondo della criminalità. Ispirandosi, con i colori rossoneri, alla mitologia nordica del dio Odino e della moglie Frigg. Simboli di un culto che ha una regola chiara e inquietante: «Non ritirarsi mai prima della morte».

Dietro le sbarre non sono finiti soltanto i capi, conosciuti con l'appellativo di don, ma anche corrieri della droga – tra cui alcune donne - e picchiatori. Un insieme variegato, emerso tra pedinamenti e intercettazioni ambientali e telefoniche. La novità per la Sicilia orientale è il tipo di reato che viene contestato. Ovvero quello di fare parte di un’associazione a delinquere di stampo mafioso che si sarebbe avvalsa degli stessi metodi di assoggettamento di Cosa nostra siciliana. Praticamente un nuovo capitolo di quanto già venuto fuori a Palermo, con il quartiere popolare Ballarò che si era trasformato in una piccola roccaforte della confraternita dei Black Axe, le asce nere. Decisivo, sul fronte che ha riguardato il capoluogo siciliano, sono state le dichiarazioni di Austine Ewosa - da tutti conosciuto come Johnbull, presto ribattezzato il Buscetta nigeriano. Il copione nell'inchiesta etnea sarebbe grosso modo lo stesso: organizzazione verticistica e affari legati principalmente a droga e prostituzione. In mezzo un mondo mistico in cui si mischiano credenze popolari e riti. Come quello che da decenni trasforma migliaia di donne in schiave dell’industria del sesso perché vincolate da un giuramento in cui si mangiano cuori di galline o ci si fa segnare la pelle con un rasoio.

Tutto condito da un’elevata dose di violenza. Perché, a differenza di cosche e famiglie mafiose siciliane, le gang della Cosa nera sembrano essere poco inclini alla strategia dell’insabbiamento. Meglio risolvere le contese sfoderando pesanti maceti, alcuni dei quali sequestrati la notte scorsa. Negli ultimi mesi del 2018, come MeridioNews ha raccontato in un lungo approfondimento pubblicato nei giorni scorsi, sono stati almeno due i fatti di sangue registrati al Cara di Mineo e finiti sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori. Liti con numerose persone coinvolte e con i feriti costretti alle cure dei medici dell’ospedale Gravina di Caltagirone. Uno di loro, per esempio, è stato arrestato e per entrare nei locali della polizia è sceso dalla macchina con un paio di stampelle

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.