Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, calciomercato in fermento: arriva Sarno
Palumbo alla Ternana. Il 3-0 a tavolino sul Matera

I materani non si sono presentati al Massimino: tre punti d'ufficio per gli etnei, che accorciano sul Trapani bloccato a Lentini. Rossazzurri attivi in entrata: l'esterno Vincenzo Sarno arricchisce la rosa di mister Sottil. Palumbo invece ci ripensa e va a Terni

Giorgio Tosto

Mentre il campo fa scena muta, i veri fuochi d'artificio provengono dalle trattative di un mercato ormai entrato nel suo momento più caldo. Il Catania, ieri sera, non è sceso sul terreno di un Massimino freddo e desolato, aspettando negli spogliatoi lo scoccare del 45', istante in cui l'arbitro ha preso atto dell'assenza del Matera (calciatori in sciopero per ritardi negli stipendi), decretando così la vittoria 3-0 a tavolino degli etnei. Si tratta dell'ennesimo, brutto capitolo di una Lega Pro in cui troppe squadre hanno dimostrato di essere finanziariamente al collasso.

Il presidente dei lucani Rosario Lamberti non ci sta e se la prende con i rossazzurri. «Avevamo chiesto un rinvio alla Lega - ha dichiarato nelle scorse ore - e ci è stato rifiutato. Non mi sembra il caso di umiliare ulteriormente i nostri ragazzi (avrebbe giocato la formazione Berretti, ndr) mandandoli a Catania a prendere 5-6 gol. Correttezza avrebbe voluto - ultima il massimo dirigente - che gli etnei, sapendo le nostre difficoltà, avessero accettato la richiesta di rinvio. I tre punti direi che se li sono presi».

Archiviato questo triste capitolo di calcio non giocato, i tifosi etnei hanno trovato modo di scaldarsi in queste ore grazie a un grande colpo di mercato messo a segno dalla società di via Magenta. Dopo un tira e molla durato settimane, Vincenzo Sarno ha finalmente detto sì all'offerta del Catania. L'ala destra ha sensibilmente abbassato le sue pretese economiche, fino ad arrivare al giusto punto d'incontro con gli etnei. Dopo aver rescisso il contratto col Padova, ormai suo ex club, il giocatore partenopeo classe '88 si appresta a firmare un accordo che lo legherà ai rossazzurri per i prossimi due anni e mezzo. Così come per  Matteo Di Piazza, ci vorrà qualche settimana per vedere Sarno tirato a lucido: in Veneto, quest'anno, ha messo assieme solo una presenza.

Salta in extremis, invece, la trattativa che avrebbe dovuto portare il jolly di centrocampo Antonio Palumbo al Catania. Gli accordi, tra Catania e Sampdoria, erano arrivati allo sprint decisivo: il giocatore classe 1996 avrebbe dovuto trasferirsi alle falde dell'Etna in prestito. In blucerchiato, invece, sarebbe andato in via definitiva il giovane attaccante rossazzurro Lorenzo Di Stefano, su cui però il Catania avrebbe goduto di una ricca percentuale in caso di successiva rivendita. La volontà del calciatore, in questi minuti, ha ribaltato tutto. Secondo Repubblica, Palumbo vuole infatti raggiungere alla Ternana Alessandro Calori, suo ex tecnico a Trapani.

Il giovane centrocampista napoletano avrebbe fatto comodo a un Catania che, comunque, ha un reparto arricchito la scorsa settimana dall'arrivo di Giuseppe Carriero. In uscita, il terzino sinistro Luigi Scaglia è in partenza, così come resta da valutare in mezzo al campo la posizione di Federico Angiulli: giocatore di categoria superiore che, però, non ha mai convinto fino in fondo durante il girone d'andata. In difesa, poi, va seguita la situazione legata ad Andrea Esposito. Il giocatore, protagonista di una prestazione insufficiente a Siracusa, potrebbe essere in bilico: il diesse Christian Argurio, quindi, si guarda attorno anche per cercare ulteriori innesti nel settore dei centrali difensivi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×