Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scuola, occupato il liceo artistico Emilio Greco
Preside: «Frasi da denuncia per diffamazione»

Anche l'istituto di via Mavilla è coinvolto dalle proteste degli studenti. «Gravi danni strutturali all'interno del plesso», scrivono in un dossier. Ma il dirigente scolastico Antonio Massimino non ci sta. «Sono una sparuta minoranza», spiega. Guarda le foto

Marco Militello

Da ieri, il liceo artistico Emilio Greco di via Mavilla è occupato dagli studenti. Le ragioni della protesta sono state riassunte in un documento di tre pagine. Il dossier rileva «gravi danni strutturali all'interno del plesso scolastico». A preoccupare i giovani è soprattutto la sicurezza dell'edificio. «Crepe, muri danneggiati dalle intemperie, infiltrazioni di acqua dal soffitto e mancanza di vetri alle finestre», secondo gli studenti, pretenderebbero una «tempestiva ristrutturazione, specialmente dei muri esterni e interni, delle grondaie e dei muretti del giardino e del tratto asfaltato interno alla struttura». 

Ma le segnalazioni non finiscono qui. Attiene ancora alla sicurezza dell'istituto lo stato dell'impianto elettrico. Nelle varie aule dell'Emilio Greco ci sarebbero «prese di corrente sganciate dal loro alloggiamento e cavi elettrici allo scoperto». Una situazione tale da richiedere - a detta dei ragazzi - non soltanto una revisione dell'intero sistema, ma anche dei «controlli per verificare la presenza di luci efficienti». Nel caso siano inesistenti o irreparabili viene richiesta l'immediata sostituzione. 

Un discorso a parte meritano gli ambienti esterni e la piccola pineta presente nel perimetro dell'istituto, che sarebbe infestata dalla processionaria del pino. Per la quale viene richiesta una disinfestazione. La palestra sarebbe priva di riscaldamenti, perciò viene proposta l'installazione di un termosifone. Gli attrezzi da ginnastica posti nella pineta, invece, sarebbero «pericolanti e con le parti in metallo colpite dalla ruggine». 

La chiusa del documento assicura «una grande apertura al dialogo con qualunque membro del corpo docenti e delle forze dell'ordine» e l'impegno a condurre forme di protesta «il più possibile sicure e pacifiche», pur conservando «uno sguardo critico verso gli avvenimenti». La scelta degli studenti, tuttavia, non è piaciuta affatto al preside Antonio Massimino. «Dire che l'Emilio Greco è una delle scuole più "sgarrupate" di Catania - dichiara il docente a MeridioNews - be', mi sembra ci siano gli estremi per una denuncia per diffamazione. La settimana scorsa avevo parlato con una rappresentante degli studenti - aggiunge Massimino - per allestire una grande manifestazione di protesta. Ma non per lamentare le condizioni strutturali, bensì per richiedere ancora una volta delle aule in più al plesso di San Giovanni La Punta. Poi - va avanti il preside - hanno dichiarato l'occupazione senza avvertirmi. Ma sono una sparuta minoranza, tra gli studenti». 

Ma le condizioni dell'edificio sono quelle descritte nel report dei «ragazzi»? «Tre anni fa - ricorda Massimino - abbiamo speso 700mila euro con l'asse 2 del Pon, con i quali sono stati fatti di sana pianta l'impianto elettrico, il sistema di climatizzazione dei laboratori, la sostituzione di tutti gli infissi e un secondo ascensore per i disabili. La scuola - conclude il docente - non ha grandi pecche strutturali».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×