Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I fisici precari catanesi chiedono la stabilizzazione
«L'Istituto proceda, i finanziamenti sono vincolati»

Ad agosto un decreto del ministero dell'Istruzione e della Ricerca ha riconosciuto agli Infn di tutta Italia 15,7 milioni per far uscire dalla precarietà alcune figure professionali. Ma al momento tutto è fermo. «L'ente gioca sul cavillo», lamenta uno di loro

Marco Militello

I ricercatori precari dell'Istituto nazionale di fisica nucleare catanese sono 17. Sette di loro - i cosiddetti comma uno - ambiscono alla stabilizzazione «al volo». Gli altri dieci - chiamati comma due - attendono invece che parta la trafila concorsuale ad hoc. Lo scorso 18 agosto il ministero dell'Istruzione e della Ricerca, per decreto, ha previsto 15,7 milioni di euro, su base nazionale, per la stabilizzazione dei lavoratori non garantiti negli Infn di tutta Italia. A oggi, però, tutto è rimasto fermo. «Sono fondi indirizzati all'Istituto da parte del governo per il 2019 - spiega il ricercatore Salvo Viola - e sono vincolati alla stabilizzazione. Siccome il richiamo al vincolo è contenuto nel preambolo e non nel testo del decreto ministeriale, l'ente gioca sul cavillo e vuole dare un'interpretazione, per così dire, personale». Così, oggi è scattata la protesta. 

I fisici precari di Catania non sono i soli ad aver manifestato, oggi. Anzi. In un primo momento era stato stabilito che l'unico presidio per la stabilizzazione si tenesse a Roma, dirimpetto alla sede centrale dell'Istituto. Poi però i due distaccamenti che presentano il maggior numero di precari (oltre a quella etnea, quella di Genova) hanno deciso di allestire dei picchetti «locali». Quanto alle diciture con cui vengono appellati i ricercatori, i comma uno e due sono collegati all'articolo 20 del Testo unico del pubblico impiego. I cosiddetti comma uno sono lavoratori che hanno almeno tre anni di anzianità e come minimo un giorno di lavoro a tempo determinato a partire dal 2015. Dettaglio che li differenzia dai comma due, che al contrario non hanno mai avuto contratti a tempo determinato, ma rapporti di lavoro ancora più flessibili. 

«A Catania - continua Viola - abbiamo ricercatori a tempo determinato, la cui anzianità conta anche su contratti co.co.co (collaboratori coordinati e continuativi, ndr). Ci sono già delle sentenze dei tribunali amministrativi che ci danno ragione, altre ne arriveranno». La protesta ha messo insieme figure professionali diverse, accomunate dalla precarietà. «Tutto è partito da noi ricercatori - conferma il fisico - però oggi si sono uniti alcuni amministrativi che sono rimasti fuori dalle procedure». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×