Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Myrmex, continua la protesta al palazzo dell'Esa
«Dalla Regione nessuna risposta, siamo invisibili»

Gli ex ricercatori stanno manifestando da tre giorni e tre notti. «Tutto tace, nessun segnale dal presidente Nello Musumeci né dal sindaco di Catania, ma noi restiamo per riavere la dignità di lavoratori che ci è stata rubata», dicono a MeridioNews

Marta Silvestre

Terza notte di protesta per gli ex lavoratori del centro di ricerca Myrmex che, dallo scorso mercoledì, si sono incatenati davanti all'ingresso del palazzo dell'Esa a Catania per provare a ottenere un incontro con il presidente della Regione, Nello Musumeci, in cui discutere della loro vertenza lavorativa in stallo ormai da molto tempo. «Pur sapendo che sotto il palazzo della Regione ci sono degli onesti cittadini che manifestano per riavere la dignità di lavoratori che è stata loro rubata - lamenta a MeridioNews la presidente della cooperativa Ricerca Sicilia Orsola Giampiccolo - tutto tace. Nessun segnale è arrivato dal governatore siciliano e completo disinteresse ha mostrato anche il sindaco di Catania, Salvo Pogliese». 

Una trentina di lavoratori si sono organizzati in gruppi per coprire il presidio mattina, pomeriggio e notte. «È veramente una vergogna che nessuno, finora, ci abbia dato una risposta e che nessuno sia venuto qui nemmeno per interagire con noi. Nonostante il disinteresse che c'è stato fino a questo momento, noi non molliamo anche se ci sentiamo trattati come degli invisibili», conferma Giampiccolo. Gli ex ricercatori hanno anche inoltrato una ulteriore richiesta ufficiale di convocazione di incontro al presidente Musumeci senza ricevere risposta. «Restiamo qui, sperando che il presidente decida di venire a parlare con noi», dicono.

L'ultimo appuntamento con la Regione una delegazione di ex lavoratori lo ha avuto il 28 dicembre del 2017 a palazzo d'Orleans. Durante l'incontro dello scorso novembre con l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, era stato deciso di chiedere di nuovo una convocazione del tavolo tecnico al ministero dello Sviluppo economico. Da allora, però, nulla più si è mosso. Lo scorso luglio, gli ex ricercatori hanno presentato un esposto alla procura della Repubblica in cui denunciano la Regione per inadempienza verso le due delibere che avrebbero permesso il rilancio del laboratorio etneo. 

Durante la legislatura di Rosario Crocetta, la Regione manifesta l'intenzione di riallinearsi alla delibera del 2011, che prevede che Palazzo d'Orleans possa riacquistare il centro ricerca per un euro. Cifra simbolica alla quale l'ha già acquistata Gianluca Calvi, amministratore unico della ditta milanese Myrmex, dopo le difficoltà dei precedenti proprietari della Pfizer. Calvi, però, in poco tempo, rende improduttivo il centro di ricerca. Durante la cessione, l’imprenditore lombardo stipula con la Regione un accordo che lo impegna a mantenere il personale del laboratorio fino al settembre 2013 ma, qualche mese dopo, i lavoratori si ritrovano in cassa integrazione. La questione sarebbe rimasta in sospeso dopo l'interesse da parte del consiglio di amministrazione del Consiglio nazionale delle ricerche ad acquisire il laboratorio della zona industriale etnea. Quando il Cnr ha rinunciato, però, la delibera è rimasta non esecutiva. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.