Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, rubate tredici pistole della polizia municipale
Raid notturno in Comune, trafugati anche i proiettili

Un colpo organizzato nei dettagli. Stanotte qualcuno si è introdotto negli uffici del comando dei vigili urbani giarresi e ha portato via, dalla cassaforte, le armi degli agenti andati in pensione. Le indagini sono in corso

Luisa Santangelo

Foto di: sebiano sardo

Foto di: sebiano sardo

Un colpo perfettamente organizzato e, visto l'esito, completamente riuscito. Stanotte qualcuno si è introdotto negli uffici del comando della polizia municipale di Giarre, all'interno del palazzo del Comune, e ha trafugato le 13 pistole custodite all'interno della cassaforte. Si trattava delle armi di agenti andati in pensione o trasferiti, nascoste nella camera di sicurezza costruita su una parete e coperta da un quadro. A scoprire il furto, questa mattina, gli stessi vigili urbani: quando hanno tentato di prendere servizio, si sono accorti di non riuscire ad aprire il portone del municipio.

Le imposte, infatti, erano state chiuse dall'interno con del filo di ferro e i battenti non presentavano segni di effrazione. Le ipotesi sono, quindi, che qualcuno dei malviventi si sia fatto chiudere dentro al municipio o che siano entrati passando dal vallone alle spalle del Comune, un'area verde a cui è semplice accedere. Pare che nei locali della polizia municipale fosse stato installato, poco tempo fa, un sistema di allarme. In base alla prima ricostruzione, quest'ultimo sarebbe stato disattivato poco dopo avere iniziato a suonare: i malviventi hanno subito rintracciato il vano contatore e hanno staccato l'energia elettrica dell'edificio.

Le stanze del comando della municipale erano completamente a soqquadro: dopo avere scassinato la porta d'ingresso, i ladri hanno rovistato nei cassetti e negli armadi, per poi introdursi nella stanza del comandante dove si trova la cassaforte. Chi ha agito sapeva, probabilmente, che la cassettina blindata era presente: gli scassinatori hanno portato con sé una fiamma ossidrica, con la quale in effetti sono riusciti ad aprire l'armadietto metallico e a portare via il suo contenuto. Non solo le 13 pistole e relative munizioni, ma anche gli oggetti preziosi smarriti sul territorio e in attesa di essere reclamati da eventuali proprietari.

In base a quanto si apprende, le pistole non più utilizzate vengono dismesse per ordine del comandante dei vigili urbani ogni uno o due anni. Quelle rubate nella notte si trovavano lì dall'ultima volta che era stata eseguita questa «pulizia»: erano armi di agenti della municipale andati in pensione o trasferiti ad altro incarico, che quindi le avevano ri-consegnate in occasione dell'ultimo giorno di lavoro come vigili urbani di Giarre. Al vaglio dei carabinieri giarresi, che stanno eseguendo le indagini, ci sono le immagini di videosorveglianza delle telecamere presenti nella zona: quelle di una banca, di un grosso negozio di abbigliamento e di un'abitazione privata nei pressi del Comune. Secondo la versione al momento più accreditata, i ladri sarebbero scappati dal cancelletto della polizia municipale che si trova proprio su via Callipoli.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×