Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nanni Moretti a Catania racconta l'Italia positiva
«Persino questa storia diventa un gesto politico»

Tutto esaurito e proiezione bis, al cineteatro Odeon, per Santiago, Italia. Un racconto sulla sinistra cilena degli anni Settanta, le ferite inferte dai militari alla democrazia, le torture subite dai prigionieri e le storie dei richiedenti asilo accolti in Italia

Antonia Maria Arrabito

Foto di: Antonia Maria Arrabito

Foto di: Antonia Maria Arrabito

Il pubblico catanese ha reso necessaria una seconda proiezione per incontrare Nanni Moretti al cineteatro Odeon. Un duplice tutto esaurito che testimonia come i siciliani non abbiano dimenticato un regista che ne ha omaggiato la terra più volte, girando Caro diario nelle isole Eolie e Palombella rossa ad Acireale. A 13 anni dall’Italietta raccontata nel film Il Caimano, Moretti torna con Santiago, Italia. Un racconto nazionale positivo, in un momento politico-sociale in cui sarebbe stato quasi naturale affondare un colpo – cinematograficamente parlando - allo Stivale. Racconta, invece, un’Italia aperta e solidale, che suona come un monito all’accoglienza. «È una ferita che ancora brucia - confessa alla platea catanese del cinema Odeon - Una storia umana. In un’Italia in cui la società ha preso una piega un po’ strana, persino raccontare una storia così diventa un gesto politico. Perciò esce nel momento giusto».

Se il riferimento attuale è ai flussi migratori in cerca di accoglienza, quello cinematografico è al popolo cileno e ai rifugiati che ritrovarono lavoro e dignità in Italia dopo il colpo di Stato del 1973. «È una bella storia italiana – la definisce il regista - una storia di cui andare fieri». Prima del più recente del 2001, infatti, c’è un altro 11 settembre passato tristemente alla storia: il golpe militare alla Repubblica del Cile del Presidente Salvador Allende, che vide precipitare non solo la sinistra al governo ma anche lo stato di diritto. Un periodo di orrore e terrore, raccontato dal regista in docufilm che mette in correlazione Italia e Cile: Paesi tanto lontani quanto simili prima del golpe per la democrazia multipartitica e quell’idea di sinistra improntata su azione e prospettiva

«Noi ragazzi guardavamo con entusiasmo alla politica cilena ma anche a quel leader Allende, per le analogie con la nostra sinistra. C’erano anche delle differenze. In Italia, ad esempio, non ho mai visto un poeta salire sul palco del comizio di un politico, in Cile si: era Pablo Neruda a fianco di Allende», continua. «Si trattava di un governo che non aveva niente a che fare con il blocco classico comunista, da Cuba alla Cina all’Unione Sovietica: era la prima volta che la sinistra andava al potere democraticamente, con una brusca interruzione nel 1973». Un documentario intimista, nonostante i numerosi intervistati: dall’imprenditore all’artigiano, dai giornalisti agli avvocati fino ai militari. 

«Ho voluto solo testimoni effettivi e veri, ma volevo ci fossero anche i cattivi. Per quanto mi riguarda, invece, ho preferito stare dietro alla macchina da presa e non invadere il fotogramma. Volevo raccontare la storia in modo semplice: spesso le persone che hanno vissuto quella realtà si commuovono e non riescono ad andare avanti, nonostante siano passati più di quarant’anni», anticipa Moretti, prima della proiezione. «Anche la chiesa fa una bella figura nel film ma non è prossima una mia conversione - ironizza - Ahimè non ho il dono della fede e a differenza di quanto affermava il regista Luis Buñuel io non ringrazio Dio per non avere ricevuto questo dono».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×