Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Amt: stipendi in ritardo, lavoratori in agitazione
Il 31 gennaio sarà sciopero mattutino, oggi sit-in

A casa dell'Azienda metropolitana trasporti le acque sono piuttosto agitate. Lo segnala il sindacato Fast-Confsal che, con due note, chiede chiarimenti a proposito di un appalto e annuncia l'interruzione del servizio per la mattinata di giovedì

Redazione

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Acque agitate in casa Azienda metropolitana trasporti. La partecipata comunale che gestisce gli autobus cittadini minaccia di essere gettata nel caos dalle proteste dei lavoratori iscritti al sindacato Fast-Confsal, una dietro l'altra: la prima, prevista per stamattina di fronte alla sede di via Sant'Euplio (un sit-in per chiedere chiarimenti su una gara d'appalto); la seconda, più grande, fissata per il 31 gennaio, quando i dipendenti aderenti alla sigla sindacale incroceranno le braccia dalle 9 alle 13 e quelli dei turni successivi smonteranno con tre ore di anticipo.

I motivi si trovano nelle note diffuse dall'organizzazione sindacale e firmate dal segretario regionale Giuseppe Cottone. Per la giornata di oggi l'oggetto del contendere è l'appalto per i servizi di guardiania e pulizia in alcuni parcheggi dell'Amt. Una gara che sarebbe arrivata all'apertura delle buste a dicembre 2018 ma che, ancora, non sarebbe stata espletata. Non un semplice ritardo, secondo il sindacato, bensì la conferma di quelle «voci» secondo le quali ci sarebbe in vista «un possibile annullamento della gara in essere, con il conseguente licenziamento dei lavoratori, in quanto i servizi verrebbero espletati in house». Un provvedimento che potrebbe rientrare in un'ottica di spending review, ma rispetto al quale i lavoratori dell'attuale appaltatrice non avrebbero avuto risposta

E se questa è una vicenda che riguarda gli autobus solo di striscio (a rischiare il posto non sono i dipendenti dell'Amt, bensì quelli dell'azienda che per la società comunale lavora), quella che porterà allo sciopero del 31 gennaio una questione tutta legata alla vita dell'amministrazione comunale. «I lavoratori hanno percepito ancora oggi soltanto il 50 per cento dello stipendio di dicembre 2018», attacca Cottone. Aggiungendo poi che l'azienda non avrebbe predisposto alcuna nuova programmazione delle linee né previsto progetti di rilancio. Un occhio sul futuro, però, la giunta di Palazzo degli elefanti l'ha già spostato, immaginando l'accorpamento tra Sostare e Amt. «Senza nessun progetto di risanamento», attacca ancora Fast-Confsal.

In mezzo a tutto questo, c'è anche la mancanza del direttore generale, del direttore di esercizio e di un dirigente amministrativo. Tutte figure apicali nell'organigramma aziendale e attualmente vacanti. «A fronte di un’azione politica locale miope e insignificante in tema di mobilità e di un consiglio d'amministrazione privo di iniziative, i lavoratori dipendenti dell’Amt non hanno possibilità alcuna di migliorarsi», prosegue il sindacato. Concludendo, stavolta con una domanda diretta al sindaco di Catania Salvo Pogliese: «Le pare corretto che l’autista dell’Amt debba garantire - giustamente - alla cittadinanza un servizio considerato essenziale, quello della mobilità, e invece - ingiustamente - lo stesso autista sia messo in condizione, senza stipendio e pur lavorando, di non potere onorare gli impegni assunti nei confronti di terzi e sostenere con dignità la propria famiglia?».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×