Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Imprenditore denuncia il pizzo, tre arresti
«Cinquemila euro pi stari ‘nda paci»

Sono stati arrestati durante il tentativo di estorsione ad un imprenditore edile nel quartiere di Nesima. Enrico Caruso, Pietro Cavallaro e Nicola Garufi sono stati colti in flagranza di reato dagli agenti della squadra mobile di Catania. Tutti e tre sono pregiudicati, due con condanne per associazione mafiosa. Per gli investigatori «erano i deputati al controllo del territorio». Gli uomini della Dia, saputo del tentativo di intimidazione, hanno convinto l'imprenditore a denunciare. «Un caso paradigmatico di collaborazione tra cittadini e forze dell'ordine», ha affermato il procuratore Luigi Lombardo. Guarda il video dell'arresto

Salvo Catalano

«Cinquemila euro pi stari ‘nda paci». Il 10 maggio si sono presentati in due a chiedere il pizzo ad un imprenditore edile che lavora nel quartiere di Nesima a Catania. L’uomo, non catanese, avvicinato dalla Dia che aveva appreso del tentativo di intimidazione, ha deciso di denunciare. Sono scattate così, su disposizione della Procura della Repubblica, le intercettazioni ambientali e le videoriprese che hanno portato all’arresto in flagranza di Enrico Caruso, Pietro Cavallaro e Nicola Garufi. Tutti e tre pregiudicati, i primi due con condanne passate in giudicato per associazione mafiosa. «Non è un episodio di grandi dimensioni – spiega Luigi Lombardo, sostituto procuratore della Dda di Catania, che ha coordinato le indagini – ma è un caso paradigmatico di collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine».

http://youtu.be/0IcN9uUdo8U

Le telecamere della squadra mobile hanno filmato l’ultimo tentativo di estorsione avvenuto due giorni fa. Giovedì pomeriggio i tre estorsori si sono presentati chiedendo all’imprenditore il pagamento di cinquemila euro «per mettersi in regola», in due rate: tremila euro subito, i restanti duemila a lavoro finito. «Non avrai più problemi, perché ci saremo noi dietro di te», hanno assicurato. A quel punto gli agenti della mobile sono intervenuti arrestando i tre. Enrico Caruso, 57 anni, era già stato condannato due volte per estorsione ed associazione mafiosa, in quanto appartenente al clan Santapaola-Ercolano. Era stato scarcerato nell’agosto del 2010. Anche Pietro Cavallaro, 56 anni, ha alle spalle una condanna per associazione mafiosa, organico del clan Sciuto-Tigna, per rapina e tentato omicidio Scarcerato nel 2003, è rimasto sotto sorveglianza speciale fino al 2006. Il più giovane dei tre, Nicola Garufi, 51 anni, ha scontato una condanna per rapina e omicidio a scopo di rapina ed era libero dall'ottobre del 2010.

«Dalle intercettazioni – sottolinea Giovanni Signer, dirigente della squadra mobile – emerge chiaramente che i tre erano i deputati al controllo di quel territorio, per conto di Cosa Nostra». Gli agenti della Dia di Catania avevano appreso del tentativo di estorsione ai danni dell’imprenditore, che, di fronte alla contestazione di determinati elementi da parte delle forze dell’ordine, si è deciso a denunciare. Il dirigente della mobile ha specificato che i tre fermati sono organici a Cosa Nostra, ma ha precisato: «preferiamo non indicare al momento a quale gruppo facevano riferimento».

[Foto di Ragnagne]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×