Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Asili nido, una fumata nera dal tavolo in prefettura
Strutture chiuse e bambini a casa fino al 6 febbraio

Il vertice, svoltosi ieri all'ora di pranzo, consegna alle 54 lavoratrici più dubbi che soluzioni. Sia il Comune che la cooperativa Glicine hanno dichiarato di non poter pagare, almeno per il momento. Così lo sciopero rischia di «allungarsi» ulteriormente

Marco Militello

Braccia incrociate fino al 6 febbraio. Poi, se non emergeranno novità sui nove stipendi che attendono, le ausiliarie degli asili nido comunali «allungheranno» lo sciopero. L'esito dell'incontro in prefettura di ieri non è buono. Per il momento, le strutture rimarranno effettivamente chiuse, perché - nonostante la presenza delle educatrici - non potranno ricevere i bambini senza il servizio di mensa e soprattutto senza le pulizie dei locali. Una brutta grana per l'amministrazione comunale, proprio a pochi giorni dai festeggiamenti di Sant'Agata. E l'andamento dell'incontro in via Minoriti consegna alle lavoratrici più dubbi che soluzioni. 

Al tavolo, il rappresentante della cooperativa Glicineche si è aggiudicata l'appalto nell'ottobre 2017 per un milione 195mila euro l'anno - avrebbe descritto l'azienda come «al collasso», per via nei ritardi nei pagamenti effettuati dal Comune, in arretrato di sette mensilità. Dal canto suo, l'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo ha spiegato che, dopo aver versato «cinque bonifici in cinque mesi», un Comune in dissesto come Catania non potrà mettere mano al portafogli fino a marzo. Tra i due, riferiscono alcune fonti, si sarebbe scatenato anche un vivace diverbio, subito «controllato» dagli altri presenti. 

Le operatrici della cooperativa avevano chiesto tre stipendi subito per riprendere il servizio, e in più i diritti accessori come tredicesima e modello 730. Tre giorni fa alcune di loro, per richiamare l'attenzione della città sui crescenti ritardi nei pagamenti, erano salite sul tetto del nido del villaggio Sant'Agata come forma di protesta. Frattanto crescono le preoccupazioni delle famiglie, costrette a riorganizzarsi per via della permanenza «a casa» dei bambini. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×