Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Asili nido, nuovo presidio delle ausiliarie di Glicine
«La protesta non si ferma, asili chiusi ad oltranza»

Le lavoratrici stanno effettuando un picchetto in via Galermo, dirimpetto a una delle strutture per l'infanzia del Comune. «Non riprenderemo servizio nemmeno dopo il 6 febbraio, se non avremo riscontri», dice una di loro. La solidarietà delle famiglie

Marco Militello

Foto di: Giuseppe Ragusa

Foto di: Giuseppe Ragusa

«Non riprenderemo servizio nemmeno dopo il 6 febbraio. Finché non ci daranno almeno tre stipendi, la protesta prosegue a oltranza». La voce di Giuseppa Catania, per telefono, arriva attutita. La donna, ausiliaria degli asili nido comunali in carico alla cooperativa Glicine, si trova in via Galermo, dirimpetto al nido che si trova in quella zona, dove sta manifestando insieme alle colleghe e a molte madri dei bambini, che a questo punto rimarranno a casa per un periodo imprecisato. La mobilitazione per ottenere nove stipendi arretrati prosegue, dopo l'infruttuoso tavolo in prefettura di due giorni fa.

«Non abbiamo avuto alcun riscontro, né dal Comune di Catania né da Glicine. Così - aggiunge la lavoratrice - non possiamo che andare avanti». Negli ultimi giorni le ausiliarie hanno fatto sentire la propria voce a più riprese. Tre giorni fa alcune di loro sono salite sul tetto dell'asilo nido del villaggio Sant'Agata per cercare di catturare l'attenzione di politici e media. L'appalto, scattato nell'ottobre 2017 e in scadenza ad aprile, è stato aggiudicato alla cooperativa Glicine per un milione 195mila euro l'anno

Il Comune è indietro nei pagamenti di sette mesi. Lo scorso dicembre le dipendenti della cooperativa hanno incassato le spettanze di maggio 2017. Finché lo sciopero si protrarrà, gli asili nido rimarranno chiusi. Un guaio che rischia di ingrossarsi per l'amministrazione comunale, che ha già dichiarato di non poter fare altri pagamenti almeno fino a marzo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×