Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scordia, sospeso dal prefetto consigliere Leonardi
Per possesso di pistola applicata la legge Severino

Rocco Leonardi è stato arrestato e poi sottoposto all'obbligo di firma per essere stato trovato in possesso di una calibro 38 non dichiarata. Sulle due cartucce esplose sono in corso gli accertamenti della scientifica dei carabinieri

Luisa Santangelo

Sospeso in virtù delle legge Severino sulle cause di incandidabilità o di rimozione dai ruoli ricoperti dai pubblici amministratori. È questa l'ultima notizia a proposito del consigliere comunale di Scordia Rocco Leonardi, a cui l'altroieri è stata sequestrata una pistola non dichiarata e detenuta in un terreno di sua proprietà a Lentini. Nei confronti del politico, è stata emessa prima la misura degli arresti domiciliari e, successivamente, è stato disposto l'obbligo di firma a seguito dell'udienza di convalida. La prefettura di Catania ha reso noto, tramite un comunicato stampa, di avere firmato il provvedimento ieri, 1 febbraio, «a seguito della comunicazione dell'applicazione della misura restrittiva in esecuzione di quanto disposto dall'Autorità giudiziaria». Adesso spetterà al Consiglio di Scordia prendere atto della sospensione di Leonardi e procedere con la sostituzione con il primo dei non eletti al senato cittadino. Uno scenario che era stato anticipato questa mattina da MeridioNews e che adesso diventa concreto.

Leonardi, classe 1963, è accusato di porto abusivo di arma da guerra. In un suo agro nel Lentinese i carabinieri hanno rinvenuto una pistola calibro 38 in dotazione all'esercito spagnolo nella Seconda guerra mondiale, caricata con sei cartucce di cui due già esplose. Per verificare quando siano stati sparati i due colpi saranno necessari gli accertamenti, già disposti, del reparto investigazioni scientifiche dell'Arma, a cui la pistola sarà inviata. Quello che è certo, però, è che si tratta di un'arma non comune e piuttosto vecchia. A Scordia, il consigliere comunale è un volto piuttosto noto: la sua poliedrica carriera politica lo ha portato a essere, tra il 2006 e il 2008, assessore alla ex provincia di Catania: l'allora presidente Raffaele Lombardo gli aveva affidato la titolarità delle Grandi opere.

Da Forza Italia Rocco Leonardi era passato al Pdl per poi approdare al centrosinistra: suo fratello Francesco è stato candidato sindaco a Scordia alle ultime elezioni amministrative, sostenuto dall'area del Partito democratico che fa riferimento all'onorevole regionale Luca Sammartino. Ed è proprio in quest'orbita che si muove Leonardi sul territorio, dopo l'elezione al senato cittadino con la lista Uniti per Scordia. Il suo caso è simile, almeno per quanto riguarda l'incipit, a quello dell'ex consigliere comunale di Palagonia Salvatore Minore: l'anno scorso venne trovato dai carabinieri con una pistola non dichiaratapatteggiò una condanna a un anno e otto mesi, a seguito della quale venne rimosso dal suo ruolo politico.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×