Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, contro la Vibonese vietato fare passi falsi
La ricetta di Sottil: «Essere più sereni e sbarazzini»

Turno di riposo per la capolista Juve Stabia: il Catania affronta l'ostica Vibonese in trasferta, cercando di ridurre le distanze dalla vetta. Sottil si augura più disinvoltura e meno frenesia, per un match che si prospetta complicato

Giorgio Tosto

Le statistiche e i numeri sono spesso un riferimento fedele delle difficoltà che prospetta una partita. Il Catania, ospite oggi pomeriggio alle 14.30 della Vibonese, affronterà una partita che si annuncia non facile. I calabresi, guidati da Nevio Orlandi, hanno fatto dello Stadio Luigi Razza un vero e proprio fortino, costruendo lì le proprie fortune. Sono sette le vittorie dei Leoni rossoblu in casa, con tre pareggi e un solo ko subito dal Trapani lo scorso settembre. Seconda miglior difesa interna con quattro reti subite, quindici i gol realizzati. Compito complicato, dunque, per lo zoppicante Catania da trasferta di questa stagione: la squadra di Andrea Sottil ha perso lontano dal Massimino la sfida a distanza con l'impeccabile Juve Stabia di quest'anno. 

Il mister degli etnei sa bene quanto l'aspetto mentale possa essere determinante per infrangere certi limiti e lo ha ribadito anche ieri in conferenza stampa. La Vibonese è squadra da temere: «Sono in salute, molto solidi e con attaccanti rapidi e frizzanti - ricorda il tecnico - ben dotata sul piano dell'accelerazione e delle capacità in fase di transizione. Dobbiamo difenderci bene e soprattutto andare a colpire, noi stiamo bene». Cercare di giocare una partita migliore rispetto a quella col Rende è fondamentale: «Abbiamo sbagliato qualche disimpegno e alcune transizioni, commettendo alcuni errori tecnici di troppo. Si può fare poco per questo - ammette Sottil - occorre disinvoltura, dobbiamo essere più sereni e sbarazzini e mettere da parte la frenesia».

In vista della trasferta calabrese le assenze sono pesanti: Simone Ciancio e Christian Llama sono i lungodegenti, Alessandro Marotta e Giuseppe Rizzo ne avranno per fortuna ancora per poco. Nonostante ciò, le possibilità di scelta soprattutto in avanti non mancano. «Sono contento dell'abbondanza - ricorda il mister - e voglio essere messo in difficoltà dalla competizione interna. Abbiamo un grande potenziale offensivo, dobbiamo lavorare su meccanismi e scalate per creare un equilibrio costante. Da qui a marzo - analizza l'allenatore - dobbiamo recuperare punti sulle squadre che ci precedono». Un imperativo categorico, quest'ultimo, che non può prescindere da un buon risultato oggi in casa della squadra del patron Giuseppe Caffo, etneo e tifoso del Catania.

Nell'ormai classico 4-3-3 ci sarà un ballottaggio sulla fascia difensiva di sinistra tra il reintegrato Giovanni Marchese e Joel Baraye, non in perfette condizioni. In mezzo al campo dovrebbero trovare posto Ciccio Lodi, capitan Marco Biagianti e un Giuseppe Carriero sempre più dentro ai meccanismi della squadra. Davanti toccherà ancora a Davis Curiale guidare l'attacco, affiancato da Matteo Di Piazza e Kalifa Manneh. Dall'altra parte occhio a Leonardo Taurino, vice-capocannoniere del torneo con nove reti che, assieme a Ezequiel Melillo, dovrebbe sostenere l'unica punta Nicolas Bubas. Il Catania va a caccia del terzo successo di fila in campionato. Superare lo scoglio Vibonese potrebbe dare una importante iniezione di fiducia a un gruppo alla costante ricerca di conferme.

Probabili formazioni

Vibonese (4-3-2-1): Mengoni; Finizio, Camilleri, Malberti, Tito; Prezioso, Obodo, Scaccabarozzi; Taurino, Melillo; Bubas. Allenatore: Orlandi

Catania (4-3-3): Pisseri; Calapai, Aya, Silvestri, Baraye (Marchese); Biagianti, Lodi, Carriero; Manneh, Curiale, Di Piazza. Allenatore: Sottil

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×