Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Iblis, spunta un testimone misterioso
Alla prossima udienza si fa sul serio

Ultima udienza dedicata alle questioni preliminari per il processo sulle presunte connessioni tra politica, imprenditoria e criminalità organizzata in provincia di Catania. Ad occuparsi delle trascrizioni delle numerose registrazioni utili come prova sarà un gruppo di otto periti, più un collaboratore ciascuno, nominati ieri. Giovedì prossimo in aula saranno ascoltati due carabinieri del Reparto operativo speciale e un ancora misterioso (anche per l'accusa) funzionario della Banca d'Italia

Claudia Campese

Dopo sei stralci, un rinvio per competenza dalla corte d'Assise al Tribunale di Catania e diversi mesi spesi in burocrazia, sembra essere tutto pronto per il processo Iblis, uno dei più attesi dall'opinione pubblica catanese. Ieri, nell'aula bunker del carcere di Bicocca, sono state trattate le ultime questioni preliminari. Già da giovedì prossimo il procedimento entrerà nel vivo con l'audizione di tre testimoni. Un dibattimento che, nonostante il fitto calendario di udienze stabilito dalla corte, si prevedere lungo e complesso. Per questo, su richiesta dell'accusa, il presidente ha disposto la sospensione dei termini di custodia cautelare per gli imputati.

Tutto pronto anche per quanto riguarda la trascrizione delle intercettazioni richieste sia dall'accusa che dalle difese di alcuni dei 23 imputati e ammesse come prova nel procedimento. Serviranno otto periti, con un collaboratore ciascuno, che inizieranno a lavorare a partire dal 12 giugno. Il termine per la consegna delle trascrizioni è previsto entro 60 giorni, «ma già sappiamo che, considerata la mole di lavoro, avremo delle difficoltà», anticipa Germana De Luca a nome di tutti i periti. Tra di loro anche Lucio Tamburello, incaricato di trascrive le registrazioni ambientali e telefoniche inserite in uno stralcio del processo Iblis, quello che riguarda i due fratelli Raffaele e Angelo Lombardo per voto di scambio.

Sempre dal procedimento a carico del governatore regionale e del fratello torna in aula per Iblis uno dei tre testimoni previsti per la prossima udienza: Giuseppe Pulvirenti, maresciallo del Reparto operativo speciale dei Carabinieri di Catania chiamato insieme a un collega a riferire sulle relazioni di servizio stilate dopo l'osservazione e il pedinamento di alcuni degli imputati. Oltre ai due ufficiali, a deporre sarà un personaggio ancora misterioso per la stessa accusa. «Tra le prove che abbiamo depositato c'è una nota dell'unità d'informazione finanziaria della Banca d'Italia in cui viene esaminata la movimentazione di denaro in Sicilia per il settore dell'eolico - spiega il pubblico ministero Antonino Fanara - Il documento è firmato dal direttore dell'unità Giovanni Cristaldi, ma dev'essere stato compilato da un funzionario». Che, una volta individuato, verrà convocato in aula. La Procura si è riservata di risentirli tutti e tre dopo le trascrizioni consegnate dai periti.

[Foto di sarbathory]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×