Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Agata 2019, folla sfonda varco in via Garibaldi
«Era piazzato lì solo per la sicurezza delle persone»

Il fatto, ripreso dal telefonino di un utente Facebook, è avvenuto ieri sera all'incrocio con via Spadaro Grassi, a pochi metri dal Duomo. La barriera serviva a limitare gli accessi alla piazza, per sicurezza. Smentita la bufala degli «inviti». Guarda il video

Marco Militello

Il video, caricato intorno alle 18.45 di ieri dall'utente Facebook Francesco Chittari, ha avuto oltre 1600 condivisioni. Le immagini raccontano che una folla di devoti, desiderosa di accedere in piazza Duomo in vista dei tradizionali «fuochi del 3», ha letteralmente sfondato una barriera di transenne sistemata in via Garibaldi, all'altezza dell'incrocio con via Spadaro Grassi. La gente ha forzato il varco proprio mentre steward, agenti di polizia e carabinieri stavano cercando di riportare la calma in quella zona. Al prorompere della folla, ovviamente, forze dell'ordine e personale di sicurezza non hanno reagito. Anche in considerazione del fatto che si trattava semplicemente di famiglie, con bambini e anziani. 

Ma perché quei varchi si trovavano lì? Sono previsti dal Piano per la sicurezza e la gestione delle emergenze, realizzato dagli uffici della Protezione civile in collaborazione con le forze dell'ordine. Il documento, presentato alla città lo scorso 31 dicembre, recepisce, tra le tante normative di settore, anche quella che riguarda la capienza massima di piazze e slarghi, adottata all'indomani dell'ormai famoso caso di panico di massa avvenuto in piazza San Carlo, a Torino, il 3 giugno 2017. Prima ancora che i festeggiamenti avessero inizio, in quella sede, l'assessore competente Alessandro Porto aveva spiegato che per il Duomo la capienza massima stabilita è di 4200 persone. E diventa doppia in piazza Università, dove possono stazionare 8400 cittadini. «Saranno posizionati i varchi per incanalare gli ingressi», aveva aggiunto Porto. Ma quel sistema di canalizzazione sembra essere saltato, per lo meno in via Garibaldi. 

Il varco si trovava lì per effetto della cosiddetta circolare Gabrielli, poi recepita nella direttiva del ministero dell'Interno dello scorso 18 luglio. Doveva rappresentare un meccanismo di controllo dell'afflusso e del deflusso, in altre parole fare filtro affinché il Duomo non divenisse pericolosamente affollato. Una tesi confermata anche dall'ufficio della polizia che si occupa di rapporti con la stampa. «I varchi - aggiunge la responsabile stampa della polizia - sono posti in prossimità delle piazze per la sicurezza della stessa popolazione. Le persone che lo hanno superato - va avanti - non erano manifestanti. Noi cerchiamo di proteggerli finché si può, ma naturalmente senza che questo generi uno scontro, erano famiglie, gente per bene con bambini». 

Una versione decisamente diversa è stata raccontata dalla pagina Facebook Spazi sociali Catania. «Quest'anno - recita il testo di un post apparso nella mattina di oggi - i fuochi del Duomo dovevano essere solo per poche persone con invito da parte del Comune... insomma una élite. Avete tolto la città ai cittadini? Sappiamo tutti come è finita: i catanesi se la sono ripresa». Ma è un'ipotesi seccamente smentita da Francesco Marano, presidente del comitato organizzativo. «Assolutamente no. C'è il ricevimento del sindaco, con gli inviti. Ma vale solo per il palazzo, non certo per la piazza. Le transenne erano lì - conclude Marano - perché ogni anno c'è un'attenzione sempre maggiore per la sicurezza e per gli afflussi nelle piazze». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews