Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dissesto e tasse, si prepara lo sciopero generale

Redazione

Foto di: salvatore torregrossa

Foto di: salvatore torregrossa

«Autoconvocazione a Palazzo degli Elefanti, sciopero generale cittadino, class-action contro la stangata Tari. L’emergenza dissesto, il silenzio delle istituzioni politiche locali, regionali e nazionali, impongono risposte decise. Lo dobbiamo ai cittadini e ai lavoratori catanesi, tartassati e abbandonati». Lo hanno dichiarato i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, Ugl di Catania - Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci - al termine dell’assemblea unitaria che s'è riunita oggi nella sala-convegni Uil Mico Geraci in via Sangiuliano. 

Gli esponenti sindacali, che hanno convocato un’assemblea pubblica per il 18 febbraio alle 16 in cui verrà proclamato lo sciopero generale, aggiungono: «Mentre l’Amt rischia la paralisi se non si troveranno 700mila euro entro fine mese per la copertura assicurativa dei mezzi, mentre gli asili nido sono ormai chiusi, mentre i dipendenti del Comune, delle cooperative sociali e quelli di molte aziende partecipate lavorano ormai da mesi senza certezza di stipendi, mentre le imprese fornitrici del Comune hanno già dovuto rinunciare al 60 per cento dei loro crediti, il sindaco Salvo Pogliese sfugge al confronto vero e concreto con le organizzazioni sindacali disertando persino gli incontri in prefettura. E il governo nazionale, come quello regionale, ha fatto presto a dimenticare gli impegni assunti dai propri rappresentanti in passerella a Catania».

«Siamo preoccupati, preoccupatissimi - concludono Rota, Attanasio, Meli e Musumeci - perché la condizione di Catania è di estrema gravità. Sembra strano e pericoloso, peraltro, che non siano stati ancora nominati i commissari per la gestione del dissesto: altro segnale di indifferenza del governo nazionale verso questo territorio. L’amministrazione comunale, intanto, ha saputo solamente aumentare la Tari. Un rincaro vergognoso e inspiegabile, che non è accompagnato da un piano serio e certo di lotta all'evasione fiscale. Il disagio sociale cresce a dismisura. C’è una Catania silenziosa che soffre e rischia di esplodere. Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno gestito questo malessere profondo con responsabilità, persino eccessiva. Nessuno se ne approfitti, qui come a Roma e Palermo».

(Fonte: comunicato congiunto Cgil-Cisl-Uil-Ugl)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×