Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calatabiano, Ponturo e Brianni entrano in giunta

Redazione

Hanno prestato giuramento questa mattina, in municipio, alla presenza del sindaco Giuseppe Intelisano e del segretario comunale Concetta Puglisi, i neo assessori del Comune di Calatabiano Stefano Brianni e Vincenzo Ponturo, che contestualmente ha formalizzato le proprie dimissioni dalla carica di consigliere comunale.

Il sindaco ha attribuito le deleghe ai nuovi componenti della giunta. Nello specifico a Stefano Brianni, vanno le deleghe a Viabilità, circolazione e segnaletica stradale, Servizio idrico integrato e Rifiuti solidi urbani, Pubblica illuminazione, Manutenzione demanio e Patrimonio, Gestione e vigilanza del territorio. A Vincenzo Ponturo, invece, vanno i Servizi informatici e socio-culturali,Beni culturali, Biblioteca e Archivio storico, Pubblica istruzione, Assistenza scolastica, Trasporto ed altri servizi scolastici, Affari generali ed organi istituzionali, Servizi socio-assistenziali. I due assessori prendono il posto delle dimissionarie Vincenza Costa e Marisa Marino.

«Auguro un buon lavoro ai nuovi assessori» ha affermato il sindaco Intelisano. «Ponturo è una mia vecchia conoscenza, già in precedenza ho avuto modo di poterne apprezzare le qualità umane e professionali. Sono sicuro che anche questa volta svolgerà un ottimo lavoro. Brianni invece rappresenta la vera novità, un giovane brillante che si è distinto nel corso degli anni per il suo impegno sociale e lavorativo sul nostro territorio. Sono certo che il suo ingresso in giunta darà un valore aggiunto alla nostra azione amministrativa».

«Una nomina inaspettata, spero di poter adempiere al meglio ai miei compiti» ha commentato il neo assessore Stefano Brianni, giovane imprenditore calatabianese. «Già da domani sarò presente, su delega del sindaco, alla seduta del cda del Parco fluviale dell’Alcantara. Ci sono delle problematiche urgenti da affrontare che riguardano il piano paesaggistico che è stato adottato dalla Regione Siciliana creando numerosi vincoli sulla nostra fascia costiera. Cercheremo una soluzione che non ci penalizzi».

Vincenzo Ponturo, politico calatabianese, già assessore durante il precedente mandato del sindaco Intelisano, ha dichiarato: «Per me è un onore tornare in giunta con questo nuovo gruppo. Spero di soddisfare le esigenze dei calatabianesi. Occuparsi di cultura e servizi sociali in un momento storico di grave difficoltà economica, a causa dei numerosi tagli agli enti locali, sarà una bella sfida ed una grossa responsabilità. Farò del mio meglio per accogliere le istanze dei cittadini e, al contempo, per portare avanti il lavoro svolto brillantemente dal mio predecessore (Marisa Marino) che coinvolgerò nelle iniziative future dell’assessorato».

Nella prossima seduta il Consiglio comunale procederà alla surroga di Ponturo: al suo posto entrerà a far parte del civico consesso Carmelo Sterrantino, primo dei non eletti nella lista a sostegno del sindaco Intelisano durante le scorse amministrative.

(fonte: ufficio stampa Comune di Calatabiano)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×