Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale, ai domiciliari due dipendenti dell'ospedale
Sottratti 500mila euro all'ufficio riscossione ticket

Secondo la procura, i due - il 58enne Camillo Nicotra e il 57enne Alfio Principato - facevano apparire il denaro rubato come rimborsi fittizi in favore degli utenti. Nei loro confronti, oltre alla misura cautelare, anche il sequestro di beni per equivalente 

Redazione

Per cinque anni avrebbero incassato somme di utenti destinate a prestazioni sanitarie, per un ammontare complessivo di oltre 500 mila euro. Con questa accusa la polizia di Stato ha arrestato due dipendenti dell'Asp di Catania, Camillo Nicotra, di 58 anni, e Alfio Principato, di 57, entrambi posti ai domiciliari, perché ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di peculato. Nei loro confronti il gip ha disposto anche il sequestro preventivo di conti correnti, somme di denaro e beni immobili o mobili fino alla concorrenza dell'importo dovuto. 

Il provvedimento è il risultato di una serie di indagini avviate nell'aprile 2018 a seguito di un esposto presentato dalla direzione dell'Asp alla procura distrettuale. Gli inquirenti sono così riusciti ad accertare le responsabilità dei due dipendenti che nell'espletamento delle loro mansioni di addetti alla riscossione dei ticket presso il presidio ospedaliero di Acireale, tra il 2013 e il 2018, si sarebbero appropriati delle somme di denaro causando un ingente danno economico all'Azienda Sanitaria Provinciale di Catania, quantificato in 303 mila euro per Nicotra e 235 mila euro per Principato. 

In particolare i due indagati, in maniera sistematica, avrebbero detratto una parte degli importi pagati dagli utenti come ticket, correlando le somme detratte a rimborsi fittizi in favore di altri utenti. In questo modo avrebbero assicurato la corrispondenza tra l'incasso giornaliero e le somme effettivamente depositate nella cassaforte dei vari presidi ospedalieri in cui lavoravano.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×