Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sindaco Bronte ai domiciliari, appello opposizione
«Voltare pagina, occorre decisione responsabile»

In un documento i sei consiglieri della minoranza vicina all'ex senatore Pino Firrarello chiedono a Graziano Calanna, coinvolto nell'inchiesta Aetna, un passo indietro. L'istanza di libertà del primo cittadino era stata respinta a dicembre dal Riesame

Francesco Vasta

Foto di: Pagina Facebook Graziano Calanna Sindaco

Foto di: Pagina Facebook Graziano Calanna Sindaco

«Nel rispetto dei tempi della giustizia abbiamo atteso delle doverose risposte a tanti quesiti di competenza dell’amministrazione: la costruzione di 64 alloggi popolari continua ad accumulare ritardi ormai imperdonabili; il terzo pozzo Musa, il cui iter di sviluppo è già stato posto in essere, non è mai stato oggetto d’appalto; i lavori di adeguamento della pista di elisoccorso sono stati abbandonati; la bretella di congiunzione alla strada statale 284, già finanziata, non è ancora stata realizzata; la casa dell’acqua grava in condizioni di deterioramento ed in utilizzo». Lo affermano in una nota i consiglieri Maria De Luca, Angelica Prestianni, Carlo Maria Castiglione, Massimo Castiglione e Salvatore Calamucci, rappresentanti dell'opposizione alla giunta del sindaco di Bronte Graziano Calanna

Il primo cittadino è agli arresti domiciliari dallo scorso 30 novembre. L'accusa dei magistrati della procura di Catania è di istigazione alla corruzione riguardo a un appalto che avrebbe dovuto portare all'installazione di alcune mini centrali idroelettriche sulle condotte dell'acquedotto di Bronte. Il tribunale del Riesame, contrariamente a quanto poi avvenuto per gli indagati degli altri filoni dell'inchiesta Aetna sul monopolio turistico dell'imprenditore Francesco Russo Morosoli nelle escursioni sull'Etna, aveva respinto le istanze di libertà del sindaco di Bronte. L'amministrazione si trova così da settanta giorni praticamente  decapitata, circostanza che ha chiamato alla mobilitazione le opposizioni. Prima il Movimento 5 stelle aveva presentato una mozione di sfiducia. Adesso i consiglieri vicini all'ex senatore Pino Firrarello, sposano la linea della richiesta di dimissioni al sindaco, senza però evocarle esplicitamente. «Un capitolo della vita amministrativa della nostra amata città - si legge nella nota - volge al termine: è tempo di voltare pagina, soltanto una decisione responsabile può permetterlo»

«Quelle elencate sono soltanto alcune delle gravi lacune da addebitare a questa amministrazione, che nell'arco di questi quattro anni non ha mai mostrato un’idea reale di sviluppo del paese. Bronte merita una guida forte - conclude la minoranza centrista - in grado di rispondere alle esigenze della collettività con competenza e passione civile, capace di concepire il paese del futuro che affideremo ai nostri figli».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.