Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, s'incatena per difendere l'edicola
Il funzionario del Comune: «È abusivo»

Forze dell'ordine e mezzi speciali questa mattina in piazza Stesicoro a Catania, pronti a rimuovere un chiosco di giornali considerato abusivo. Protesta il titolare Fabio Spampinato sostenuto dai fratelli e dal padre che decide di incatenarsi dentro. «Ho tutto in regola, ecco i documenti»

Desirée Miranda

Ci risiamo. Dopo sei anni ancora trambusto in piazza Stesicoro a Catania questa mattina attorno all'edicola della discordia. Vigili urbani, polizia e mezzi speciali  erano tutti pronti per smantellare la struttura (quella delle tre posta all’angolo sinistro, accanto al venditore dei gelati espressi, per capirci) che, secondo i dirigenti comunali, è abusiva. «Queste persone sono prive di qualunque titolo valido. E stanno facendo una occupazione illegale di suolo pubblico», afferma perentorio Roberto Politano, direttore alla attività produttive del comune di Catania.

Non è dello stesso avviso il proprietario Fabio Spampinato che, insieme con i fratelli e il padre, incatenato per protesta dentro il chiosco dei giornali, cerca di difendersi, carte alla mano. «Ho sempre fatto tutto in regola, e non è giusto che per un errore del Comune ci vadano di mezzo dei liberi cittadini che lavorano per guadagnarsi il pane». La questione è infatti lunga e un po’ ingarbugliata. Spampinato compra l’edicola nel 2005 con entrambe le autorizzazioni necessarie: concessione per il suolo pubblico e concessione amministrativa (che autorizza al commercio di giornali e periodici), quest’ultima "in sanatoria" da parte del Comune. Era infatti in corso un procedimento al Tar (Tribunale amministrativo regionale) in merito. La sentenza arriva con esito negativo nel 2010. Il problema starebbe nel fatto che la legge regionale a cui ha fatto riferimento il Comune non è più valida e decadendo un’autorizzazione decade anche l’altra. Chiederne una nuova, inoltre, non è possibile perché oggi si eccederebbe nel numero di edicole presenti nella zona.

Ma Spampinato, che ha investito tempo e denaro, non si dà pace e decide di opporsi. «Ho subito fatto ricorso al Tar e ho anche chiesto una sospensiva all’ufficio comunale preposto che già altre volte aveva notificato lo sgombero, ma non ho mai ricevuto risposta e oggi siamo qui», afferma, spiegando anche che in realtà non ci sarebbe stato bisogno di una nuova autorizzazione. «Sembra sia andata persa l’autorizzazione del 1967 che invece esiste, eccola qua – afferma mostrandoci il documento – che bisogno c’è di tutto il resto? È fatto apposta per togliermi l’edicola?» si chiede. E a sostegno della sua tesi racconta anche che già nel 1993 l’allora sindaco Enzo Bianco aveva firmato una ordinanza di demolizione, annullata poi nel 2006. «La mia è un’edicola storica, esiste in piazza Stesicoro da sempre e inoltre è il mio lavoro. Con le liberalizzazioni del governo Monti ero convinto che si sarebbe risolto tutto e invece le cose peggiorano. Cosa devo fare adesso?», chiede ancora.

Eppure per i funzionari del Comune non ci sono dubbi. «Hanno acquistato a loro rischio e pericolo, sapendo che l’esito era condizionato dall’esito della sentenza del Tar», dichiara Margherita Cuscunà, funzionario responsabile dell’ufficio per il suolo pubblico. «Posto che abbia sbagliato – aggiunge – il Comune l’ha fatto in buona fede, applicando una legge regionale che poi la Regione stessa ha abrogato».

Alla fine il chiosco dei giornali non è stato tolto, per oggi, anche se l'edicola non è aperta alla vendita ed è stata elevata una multa. Il consigliere Maurizio Mirenda, presidente della VI commissione consiliare permanente alla attività produttive, ha cercato di calmare gli animi e ha proposto un incontro domani mattina con il sindaco Raffaele Stancanelli. «Cercheremo di capire se esiste davvero una incongruità nei documenti, come afferma la famiglia Spampinato oppure no».

Speranze ancora accese, dunque, almeno fino a dopo l’incontro. Chissà se la settimana prossima non si ripresentino i mezzi speciali per caricare la struttura.

 

[Foto di Google map]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×