Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. M. Licodia, auto bruciata due volte in poche ore
Probabile la matrice dolosa, indagano i carabinieri

La Lancia Y era parcheggiata in via Floresta, non distante dalla villa comunale. Le fiamme si sono sviluppate la prima volta intorno a mezzanotte, poi all'una e 20. Nel secondo caso gli sportelli sono stati ritrovati aperti. Sul posto i vigili del fuoco

Salvatore Caruso

La notte scorsa un incendio di probabile matrice dolosa ha distrutto una Lancia Y parcheggiata in via Floresta, a Santa Maria di Licodia, non distante dalla villa comunale. L'auto ha preso fuoco in due riprese, un fatto che fa propendere pompieri e carabinieri per l'ipotesi del rogo appiccato da mano umana. Il mezzo è di proprietà di una donna che si sarebbe trasferita in via Floresta solo da poco tempo. Gli uomini del 115 di Paternò sono intervenuti dunque in due momenti. 

Il primo intervento dei pompieri, che si è registrato poco dopo la mezzanotte, ha evitato guai maggiori. Infatti il rogo si sarebbe sviluppato dall'interno dell'abitacolo. Le fiamme sono state subito sedate, con i danni limitati all'interno della vettura. La prima ipotesi immaginata dai vigili del fuoco era legata presenza di una cicca di sigaretta caduta dentro il mezzo. Circa un'ora dopo, intorno all'una e 20, un'altra chiamata è giunta alla sala operativa del comando provinciale di Catania: un uovo «incendio auto» in via Floresta. 

Sul posto sono così tornati i pompieri, che hanno trovato l'auto avvolta dalle fiamme, con gli sportelli dell'autovettura stranamente aperti. L'incendio è stato domato in fretta, senza danni all'abitazione dinnanzi alla quale era parcheggiata. La facciata dell'immobile cominciava ad annerirsi. I carabinieri hanno avviato le indagini. In mattinata, i militari del comando stazione di Santa Maria di Licodia hanno sentito la proprietaria dell'automobile. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×