Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Denunciati padre e figlio con piede di porco in auto

Redazione

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Lo scorso 4 febbraio, la polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà due soggetti per il reato di possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Intorno alle ore 3, una pattuglia della sezione polizia stradale di Catania, nell’ambito di servizi mirati alla prevenzione dei furti ai danni degli autotrasportatori, mentre transitavano all’interno dell’area di servizio Eni - sita al chilometro 13,600 della tangenziale di Catania direzione Messina-Siracusa - ha notato in prossimità del parcheggio retrostante la predetta area di servizio, di solito adibita alla sosta dei mezzi pesanti, due individui fermi vicino a delle siepi. 

I predetti alla vista della pattuglia si sono allontanati con indifferenza, dirigendosi verso la zona dedicata alla ristorazione; quest’atteggiamento ha insospettito gli operatori di polizia tanto da indurli a seguire i due uomini per poi procedere alla loro identificazione. Giunti all’ingresso del bar, i due soggetti hanno preso direzione diversa, infatti, uno è entrato all’interno del bar mentre l’altro si è diretto nei locali adibiti ai servizi igienici. All’improvviso, i poliziotti hanno udito un forte rumore di chiusura di sportello proveniente dal parcheggio retrostante e, un’autovettura allontanarsi repentinamente. 

È iniziato così l’inseguimento della vettura che, non con poche difficoltà si è concluso sull’autostrada A/19 all’altezza del chilometro 190,300, nei pressi dello svincolo Zia Lisa. I due malfattori, insofferenti e nervosi, sono stati sottoposti a perquisizione personale estesa anche al veicolo, dove al suo interno sono stati rinvenuti oggetti atti allo scasso; in particolare un'asta in ferro di circa 50 centimetri - il cosiddetto piede di porco, un taglierino e una tenaglia in ferro. I due soggetti tra l’altro padre e figlio, identificati per S.G.. e S.R., non hanno voluto fornire nessuna spiegazione circa la loro presenza all’interno dell’area di servizio, nè tanto meno, degli oggetti rinvenuti. Inoltre, avevano entrambi diversi precedenti penali per furto su autocarri presso le aree di servizio. Pertanto, il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro penale, mentre, i due soggetti sono stati denunciati in stato di libertà.

(Fonte: questura di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×