Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Agrigento, un appalto per Ignazio Cutrò
Il testimone di giustizia ritorna a lavorare

Sembrano essere finite le traversie burocratiche del testimone di giustizia di Bivona che si è ribellato ai mafiosi che lo taglieggiavano. Annullate le ingiuste cartelle esattoriali da capogiro, ieri gli è stato affidato un appalto per lavori di manutenzione sulla Palermo-Messina e ha ottenuto le certificazioni che gli permetteranno di tornare a lavorare. «Una conquista molto importante», non solo per lui ma anche per gli altri imprenditori vittime del racket

Carmen Valisano

La mafia già non gli faceva paura, ma da oggi non lo impensierisce più nemmeno la burocrazia. Ignazio Cutrò - l'unico testimone di giustizia in Italia che ha scelto di rimanere nel territorio, a Bivona, nell'Agrigentino - ha finalmente ottenuto i documenti necessari per riprendere la sua attività e anche un appalto. «Non temo più le banche, non temo più la Serit», dice con un sospiro di sollievo. A dicembre gli erano giunte alcune cartelle esattoriali da capogiro: per una serie di problemi burocratici, l'Inps e l'Inail non avevano recepito la sospensione prefettizia, una delle agevolazioni garantite ai testimoni di giustizia nelle condizioni simili a quelle di Cutrò. Le tasse nel frattempo si erano accumulate, raggiungendo oltre 126mila euro, tanto da spingerlo allo sciopero della fame. Ieri è stato ufficializzata la concessione dalla Regione di un appalto per la manutenzione delle cabine elettriche lungo un tratto dell'autostrada Palermo-Messina.

Le vicende di Ignazio Cutrò iniziano nel 1999, con una serie di intimidazioni di chiaro stampo mafioso. Una pala meccanica incendiata, alcune tubature sabotate, camion e altri macchinari incendiati, il furto di attrezzi e poi le bottiglie contenenti benzina e le cartucce. Dopo varie denunce contro ignoti, ha deciso di compiere il primo passo di una lunga salita diventando testimone di giustizia. Grazie alla sua collaborazione, vengono arrestate e condannate a vari anni di carcere cinque persone accusate di estorsione. Ma i problemi non finiscono: prima l'isolamento, la terra bruciata attorno a un nome scomodo, poi le beghe burocratiche.

«Nel giro di una settimana si è stravolta la mia vita», il testimone vorrebbe quasi urlare dalla felicità. Prima l'ottenimento del durc, il documento unico di regolarità contributiva che certifica l'assenza di debiti con l'erario. Ieri la concessione dell'appalto con il consorzio Autostrade siciliane per un importo di 110mila euro. Un sospiro di sollievo anche per cinque degli operai che lavoravano per lui al momento della sua denuncia. «Anche loro erano in attesa - racconta - quando ho detto loro che avevamo ottenuto l'appalto hanno urlato di gioia. Il loro nome era troppo legato alla mia vicenda e nessuno voleva avere a che fare con un testimone di giustizia».

Quella ottenuta ieri non è una vittoria singola, ma «una conquista molto importante, siamo riusciti a indicare la strada giusta. Finora tutte le aziende degli altri testimoni sono fallite. E' un ottimo segnale», afferma emozionato. «Mai un passo indietro e ntu culu a la mafia», questo il suo motto che spera possa servire d'incoraggiamento a tanti colleghi oppressi dalla mafia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×