Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Good, bad e new company: cos'era il sistema Pogliese
Il caso Grandi vivai Sciacca e la password «topolino»

L'impresa dell'eccentrico maestro di gong catanese doveva affrontare una serie di problemi: oltre a quelli dovuti al debito milionario accumulato dal vivaio, anche le richieste dei pupi di pezza. E perfino un tentato bonifico diventa una complicazione

Luisa Santangelo

«Con questa pesantezza dell'azione della procura... Non escluderei che possano fare un monitoraggio». Antonio Pogliese si era bagnato prima che piovesse e, col senno di poi, aveva fatto bene. Nelle intercettazioni dell'inchiesta Pupi di pezza spunta la profezia: che gli uffici di piazza Verga decidessero di vederci chiaro su quella lunga serie di aziende in liquidazione assistite dal suo studio. È per questo che il notissimo commercialista catanese, padre del sindaco Salvo e titolare di uno degli studi più importanti della città, è finito agli arresti domiciliari. Le ipotesi di reato vanno dalla bancarotta fraudolenta alla sottrazione al pagamento delle imposte in relazione a diverse imprese: un castello di accuse dietro al quale si stagliano i contorni di un vero e proprio sistema. Volto, secondo l'accusa, a truffare il fisco, approfittando di un angolo cieco della normativa. Il meccanismo per funzionare - ma non sempre - aveva bisogno di un complesso di passaggi e rimandi. Il primo step, però, sarebbe stato sempre lo stesso: rivolgersi allo studio Pogliese per uscire dal guado senza portare i libri contabili in tribunale per la dichiarazione di fallimento. Il tutto semplicemente costituendo nuove società: la bad company affossata da una parte, e la new company, una good company, pronta a tenersi tutto il meglio. Compresi gli appalti pubblici.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×