Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, tentato omicidio «per sguardo di troppo»
Un 21enne investito dopo una lite dal benzinaio

Un ragazzo è ricoverato all'ospedale Garibaldi dopo essere stato volontariamente travolto da un'Alfa Romeo 147. A guidare la vettura il 26enne Venero Giovannino Nicolosi, che accusava il più giovane di avere «guardato» la sua fidanzata. Guarda il video

Redazione

Uno sguardo di troppo a una ragazza. Sarebbe questo il movente di un omicidio tentato, a Paternò, la sera del 29 gennaio 2019. Con l'accusa di tentato omicidio aggravato in concorso sono finite in manette quattro persone: Venero Giovannino Nicolosi, 26 anni, Riccardo Concetto Nicolosi, 51 anni, Michelangelo Nicolosi, 25 anni, Paolo Antonino Di Mauro, 31 anni. I quattro avrebbero fatto parte di una sorta di commando che avrebbe avuto l'obiettivo di uccidere un giovane di 21 anni, incrociato in una stazione di servizio e poi ricontattato tramite Facebook.

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine, Venero Nicolosi e il 21enne si sarebbero incontrati nel parcheggio di un distributore di benzina e avrebbero avuto una lite banale. Scaturita dal fatto che il 21enne avrebbe «guardato» la fidanzata di Nicolosi. Finita la discussione sul posto, i due avrebbero poi continuato a litigare tramite Facebook Messenger. Da lì in poi, il proposito omicidiario: Nicolosi avrebbe contattato i suoi familiari e, dopo avere saputo dove si trovava il giovane, avrebbe organizzato quella che le forze dell'ordine definiscono «una vera e propria spedizione punitiva».

In quattro si sarebbero presentati, a bordo di due automobili diverse, in piazza delle Fontane. Le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza di un'abitazione privata della zona, mostrano che - intorno alle 22.30 del 29 gennaio - il ragazzo viene travolto intenzionalmente da una Alfa Romeo 147 guidata dal 26enne: a bordo della vettura, sul sedile posteriore, c'era anche la fidanzata soggetto delle presunte attenzioni superflue. In contemporanea sarebbe arrivata anche una Fiat Idea, con a bordo i familiari dell'aggressore: padre, fratello e cognato, scesi dalla macchina, hanno aggredito gli amici della vittima, nel frattempo svenuta. 

Dura tutto pochi minuti. Al termine del raid tutti risalgono a bordo delle loro vetture e fuggono. Nei giorni seguenti, l'Alfa Romeo 147 viene venduta, «nel tentativo di depistare le indagini», ma rintracciata ugualmente e sequestrata. Il 7 febbraio, per tutti gli accusati viene disposta la custodia cautelare in carcere. Il 21enne, invece, si trova ancora all'ospedale Garibaldi centro di Catania. Non è più in pericolo di vita.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×