Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Maltrattamenti in famiglia, uomo finisce ai domiciliari

Redazione

La Procura Distrettuale della Repubblica, nell’ambito di indagini a carico di P.P., di anni 64, indagato per i reati di maltrattamenti contro familiari e lesioni personali aggravate, commessi in danno della moglie, ha richiesto ed ottenuto la misura cautelare agli arresti domiciliari eseguita dai Carabinieri della Stazione di Guardia Mangano.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno evidenziato come l’indagato nel corso della vita matrimoniale ha vessato la consorte soggiogandola al suo carattere prevaricatore.

La donna, preoccupata soprattutto per la presenza in casa di tre figli ormai maggiorenni, soprattutto di una figlia disabile, pur di poterla accudire amorevolmente, ha preferito tollerare senza mai denunciare i maltrattamenti – ingiurie e percosse - patiti ogni santo giorno per mano del marito.

E nulla sarebbe potuto trapelare se non fosse stato per un esecrabile episodio che lo scorso novembre l’ha vista vittima di un’aggressione da parte del coniuge il quale, mentre la donna si trovava nel garage dell’abitazione, dopo averla apostrofata con epiteti irripetibili, afferrando un oggetto in ferro appeso al muro l’ha colpita violentemente alla testa per poi morderle crudelmente una mano, causandole delle lesioni “trauma cranico con ferita lacero contusa al cuoio capelluto e al terzo dito della mano sx” guaribili in 21 giorni s.c., diagnosticate dai medici dell’Ospedale di Acireale dove, spaventata e dolorante, si era recata da “sola” per farsi medicare.

Circostanza che, grazie agli assistenti sociali del servizio “protocollo rosa” attivo in quel nosocomio, ha consentito l’intervento dei carabinieri i quali, pur non ottenendo la collaborazione della parte offesa, che in quel frangente ha solo chiesto di poter tornare a casa dalla figlia, hanno acquisito una serie di testimonianze fondamentali per la composizione di un quadro indiziario a carico dell’indagato che non ha lasciato alcun dubbio al giudice il quale, accogliendo la richiesta del magistrato titolare dell’indagine, ha emesso la misura restrittiva da applicare in un immobile diverso da quello in uso alla moglie e i figli.

(Fonte: comunicato stampa carabinieri di Catania)        

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×