Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gravina di Catania, sei chili di marijuana in garage

Redazione

I Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato nella flagranza Daniele PEPE cl.87 e Orazio PEPE cl.82, poiché ritenuti responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Grazie ad una breve ma proficua attività info-investigativa, gli uomini del Nucleo Operativo hanno potuto fare irruzione in quel garage di via Francia, a Gravina, locale nella piena disponibilità dei due fratelli, dove, previa perquisizione, sono stati rinvenuti e sequestrati: 6 Kg circa di “marijuana”, nonché del materiale comunemente utilizzato dagli spacciatori per confezionare le dosi di stupefacente da porre in commercio. Gli arrestati, dopo l’udienza di convalida, sono rimasti nel carcere di Catania Piazza Lanza dov’erano stati associati dopo l’arresto.

(Fonte: Sala stampa comando provinciale carabinieri di Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×