Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Bull se n'è andato», commozione per il cane dell'Ikea
Dormiva tra mobili in esposizione, ormai era un simbolo

Uno dei randagi adottati dal negozio etneo della multinazionale è morto qualche giorno fa. Anziano e malato, l'esemplare era diventato una star dei social e perfino la stampa internazionale ne aveva parlato

Redazione

«Eri grande e buono, ci mancherai». Bull se n'è andato in punta di piedi, ma la sua scomparsa non è passata inosservata al popolo del social network. Del resto, quel cagnone color nocciola era diventato da tempo una star del web, fotografato e postato centinaia di volte su Instagram assieme ad altri esemplari. Bull era infatti uno dei tanto conosciuti «cani dell'Ikea» di Catania. 

Gli animali sono stati da tempo adottati dalla struttura e, spesso, venivano lasciati liberi di riposare fra i mobili in esposizione. Nessun problema, data la loro mansuetudine, e anzi in tanti fra i clienti si avvicinavano per qualche carezza. Per Ikea, da ultimo, la presenza dei randagi è diventata anche veicolo di una positiva réclame indiretta. In autunno, durante i giorni dei pesanti nubifragi su Catania, assai violenti soprattutto sulla zona industriale, la notizia del riparo concesso ai cani da Ikea aveva spopolato su social e giornali online, trovando un'eco anche sulla stampa statunitense di settore.

Bull viveva dunque fra il parcheggio dell'Ikea e qualche sortita in giro per mobili, cucine e scaffalature. «Facevano sentire a casa, sembrava un enorme peluche», ricorda uno dei commenti a un post dedicato alla morte del cane. Il randagio era avanti con l'età e aveva qualche problema di salute, fa sapere chi conosce bene la vicenda. «Tutti ti ricorderanno come il cane dell'Ikea, ma sei stato il cane di tutti, affettuoso e gentile. Sarà triste non rivederti», scrive Valentina su Facebook. Pochi mesi prima se n'era andato anche Zorro, inseparable da Bull, un altro dei randagi dell'Ikea. Anni fa aveva destato scalpore un episodio sempre legato ai cani che vivono in zona, un avvelenamento che aveva portato alla morte di due esemplari

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×