Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Migranti, la Sea Watch 3 ferma al porto di Catania
«Cambio del molo». Ancora in attesa di permessi

L'imbarcazione era rimasta nell'infrastruttura etnea dal giorno dello sbarco dei 47 migranti che aveva salvato nel mar Mediterraneo. Dopo il via libera degli ispettori dello Stato di bandiera, intorno alle 14.30 di oggi è arrivato anche quello dell'Italia

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Mollati gli ormeggi e salutata la gente che era accorsa per augurare buon viaggio agli attivisti, dopo avere lasciato la banchina ed essersi spostata per qualche minuto nella rada del porto di Catania, la Sea Watch si è di nuovo fermata. La notizia della partenza era arrivata anche al personale dell'ong che, però, si era mantenuto moderatamente cauto in attesa di lasciare gli ormeggi. La speranza era quella di riuscire a partire in giornata, ma dopo questo ennesimo stop non si sa cosa accadrà.  «Hanno fatto un cambio di ormeggio perché avevamo bisogno di quello spazio - è quando dicono dalla guardia costiera di Catania - Sugli spostamenti della Sea Watch non siamo noi a decidere e stiamo aspettando altre notizie». L'equipaggio ha tolto l'abbigliamento indossato per la partenza e, intanto, all'interno del porto di Catania sono entrate sette navi militari straniere impegnate in una esercitazione nel Mediterraneo.

Nel pomeriggio di oggi la nave Sea Watch 3, battente bandiera olandese, avrebbe dovuto lasciare il porto di Catania per riprendere il suo viaggio in mare. Le cose, però, sono andate diversamente da come era emerso nel primo pomeriggio. In base a quanto appreso da questa testata, già ieri sarebbe arrivato il via libera alla partenza da parte degli ispettori giunti direttamente dai Paesi Bassi per verificare che l'imbarcazione fosse in grado di ricominciare la navigazione. 

L'imbarcazione della Ong tedesca è stata bloccata nell'infrastruttura portuale etnea a seguito dello sbarco dei 47 migranti che trasportava e che sono rimasti, per giorni, al suo interno in attesa di conoscere la destinazione più sicura. Dopo una lunga attesa nello specchio di mare di fronte a Siracusa, l'ex peschereccio aveva fatto rotta verso il capoluogo etneo, dove era stato fermato per motivi burocratici. Nessuna nuova inchiesta: era stato lo stesso procuratore capo Carmelo Zuccaro a escludere eventuali reati in capo al capitano e alla squadra.

Secondo quanto comunicato dagli stessi componenti dell'equipaggio, le autorità italiane avevano richiesto una serie di adempimenti ai fini di garantire le condizioni di sicurezza all'interno del vascello. «Per esempio? - dice uno dei meccanici a bordo della nave - Ci hanno chiesto di cambiare gli adesivi dell'antincendio. Cosa ha a che vedere questo con la sicurezza?». Le modifiche però sono state effettuate e, dopo lo sta bene alla partenza da parte della nazione di bandiera. In ogni caso, dopo avere lasciato Catania ma non ricomincerà subito le attività di soccorso in mare: sono necessarie due settimane, programmate da mesi, per la manutenzione ordinaria dell'imbarcazione. Dopodiché un nuovo equipaggio si imbarcherà per iniziare un'altra missione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews