Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sea watch, cosa sta succedendo al porto di Catania
Il cambio ormeggio e la lunga attesa per la partenza

La chiamano «autorizzazione finale». Sembra essere questa l'unica cosa che manca per la partenza della nave battente bandiera olandese dall'infrastruttura etnea. Nonostante le prove generali che si sono risolte in un cambio di ormeggio

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Un documento. Un'autorizzazione finale. Sembra essere questa l'unica cosa che manca per la partenza della Sea watch 3 dal porto di Catania. Dopo 21 giorni di attesa nell'infrastruttura etnea e le verifiche delle autorità di bandiera (olandesi, appunto), l'equipaggio aveva cominciato a prepararsi per salpare. E poco dopo le 15.30saluti con il capoluogo catanese sembravano definitivi: gli attivisti della Rete antirazzista sul molo, con le bandiere, per augurare buon viaggio; il video dello smontaggio della passerella che collegava l'imbarcazione alla terraferma; i ringraziamenti ai cittadini per l'accoglienza e gli abbracci coi componenti della crew. Quando la nave, aiutata dal personale portuale, lascia la banchina sembra che sia finita. Ma dopo neanche una decina di minuti la Sea watch si ferma nello specchio di mare all'interno del porto. Accanto le passano alcuni canoisti, l'imbarcazione della Ong riprende la marcia e accosta, a poche decine di metri di distanza, dietro alla nave Dattilo della guardia costiera italiana. «Dovevano solo spostarsi per fare spazio a una nave militare in arrivo a Catania», dicono dalla capitaneria.

L'equipaggio internazionale della Sea watch, nel frattempo, resta sulla nave. Più confuso di prima. In base a quanto si apprende, neanche dalla Ong riescono a dare tempi più certi rispetto alla partenza. Senza il documento - che non è chiaro se debba arrivare dall'Olanda o da Roma - l'imbarcazione non può prendere il largo. Nel frattempo, nell'ormeggio in cui per tre settimane la barca di ricerca e soccorso dei migranti è rimasta ferma, è arrivata una nave militare greca. Poco distante ce n'è un'altra canadese. Sono le imbarcazioni coinvolte in una esercitazione nel Mediterraneo che dovrebbe partire a breve e che affolleranno l'infrastruttura etnea per i prossimi giorni. Quando finalmente riuscirà a salpare, la Sea watch 3 si fermerà per almeno un paio di settimane nel cantiere navale, per alcune operazioni di manutenzione programmate da diverso tempo. 

L'imbarcazione della Ong tedesca è stata bloccata nell'infrastruttura portuale etnea a seguito dello sbarco dei 47 migranti che trasportava e che sono rimasti, per giorni, al suo interno in attesa di conoscere la destinazione più sicura. Dopo una lunga attesa nello specchio di mare di fronte a Siracusa, l'ex peschereccio aveva fatto rotta verso il capoluogo etneo, dove era stato fermato per motivi burocratici. Nessuna nuova inchiesta: era stato lo stesso procuratore capo Carmelo Zuccaro a escludere eventuali reati in capo al capitano e alla squadra.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×