Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sea Watch, nave ha lasciato il porto di Catania
Andrà a Marsiglia, dopo riprenderà le missioni

La guardia costiera di Catania ha comunicato ufficialmente di avere dato l'autorizzazione all'imbarcazione, battente bandiera olandese, di lasciare l'infrastruttura catanese alla volta di quella marsigliese. Dove sarà ferma in cantiere per almeno due settimane

Luisa Santangelo

«La guardia costiera di Catania, ritenuti terminati gli accertamenti di sicurezza e a seguito di contatti intercorsi da parte del comando generale con lo Stato di bandiera, permette la partenza dell'unità verso il porto di Marsiglia». La comunicazione ufficiale è arrivata nella tarda mattinata di oggi. L'«autorizzazione finale» che mancava, l'ultimo scoglio verso la ripartenza della Sea Watch 3 dal porto di Catania, è arrivata e così intorno alle 15.15 la nave della ong tedesca ha mollato gli ormeggi. Con 24 ore di ritardo rispetto alle aspettative. Ieri infatti si era registrato un cambio di ormeggi che aveva stoppato le speranze dell'equipaggio.

La nave battente bandiera olandese è rimasta bloccata a Catania per 22 giorni dopo lo sbarco dei 47 migranti che trasportava. Un caso per certi versi simile a quello agostano della Diciotti: la Sea Watch ha ottenuto l'autorizzazione a sbarcare a Catania dopo diversi giorni in attesa di fronte allo specchio di mare di Siracusa. Alla fine, arrivata all'ombra dell'Etna, nonostante la comunicazione del procuratore capo Carmelo Zuccaro a proposito dell'assenza di reati in capo al comandante e all'equipaggio internazionale, il natante era stato costretto a restare fermo per motivi di sicurezza, nell'attesa che venissero effettuati dei lavori di adeguamento.

Adesso, come spiegato già ieri, Sea Watch 3 dovrebbe procedere verso il porto di Marsiglia dove sarà ferma in cantiere - per opere di manutenzione già programmate - per almeno due settimane. In attesa di potere salpare con un nuovo gruppo di persone verso il Mediterraneo e la zona di ricerca e salvataggio dei migranti in mare. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×