Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, lo sfogo di Pietro Lo Monaco a Torre del grifo
Attacco alle curve: «Gusto sadico di distruggere cose»

L'amministratore delegato dei rossazzurri è intervenuto questo pomeriggio, con l'obiettivo di placare le polemiche attorno alla squadra, accusando una parte della stampa e il mondo delle curve di disfattismo. «Scritte cose fuori da ogni logica»

Giorgio Tosto

Mentre la squadra prosegue la preparazione in vista del match di Viterbo, in programma domenica alle 14.30, l'amministratore delegato della società rossazzurra Pietro Lo Monaco si presenta ai giornalisti per fare il punto della situazione, in merito al campionato del Catania e riguardo al clima generale che si respira attorno al gruppo guidato da mister Andrea Sottil. I fischi, sonori, hanno accompagnato la vittoria della scorsa settimana contro il fanalino di coda Paganese: le polemiche e il malcontento sull'andamento dei rossazzurri, però, sono un leit motiv che va avanti ormai da parecchi mesi. 

«La Juve Stabia è prima con otto punti sul Catania, c'è una certa competitività. Abbiamo un ruolino di marcia invidiabile in casa - confessa Lo Monaco - un po' meno in trasferta. Lo scorso anno avevamo fatto 70 punti, arrivando alle semifinali playoff e battendo il record di vittorie fuori casa. Stiamo proseguendo sulla stessa linea. Ad oggi, però, abbiamo riscontrato un certo gusto sadico di distruggere le cose. Ci sono state critiche sia contro la Paganese che con la Casertana. A tutto questo - affonda il colpo il direttore etneo - non si accodano i tifosi, bensì quelli della curva. Vi sembra normale - insiste l'amministratore delegato - che mentre Catanzaro e Reggina in trasferta sono seguiti da 600 persone, noi giochiamo sempre senza tifosi fuori casa? Quelli che enfaticamente sono additati come eroi fanno solo danni d'immagine e di considerazione presso certi organi».

«Le cinque componenti, oggi, non remano nella stessa direzione»: tra squadra, staff, dirigenti, tifoseria e stampa è facile capire a quali elementi del quintetto in questione si rivolga questa volta Lo Monaco. «Non ho mai detto ai giornalisti cosa devono scrivere ma - afferma il Direttore - la nostra stampa è parte integrante dei successi di una squadra. Sono state scritte cose fuori da ogni logica, dando addirittura spazio ai social. Che serietà è questa? Sui social network - chiude il cerchio il dirigente rossazzurro - scrivono quattro frustrati che non vedono l'ora di dissacrare tutto. Questa gente non deve dimenticare che sono fallite società come Bari, Napoli, Fiorentina, Salernitana e Vicenza. Noi non stiamo facendo fallire il Catania».

Non può mancare, in tal senso, un rimando alla difficoltà di far quadrare i conti dopo anni molto complicati. «Dopo la retrocessione in C abbiamo cercato di rifarci una verginità, di riprendere la sostanza di una azienda. Siamo una società affidabile - prosegue Lo Monaco - proveremo fino all'ultimo a vincere, ma abbiamo un portafoglio ridotto rispetto alle altre, perché stiamo investendo nel risanamento». Infine, un'affermazione che sottolinea la grande difficoltà di risalire nella serie superiore: «Il Foggia (vincente due anni fa, ndr) non andava in B da 23-24 anni, il Lecce ci ha impiegato sette anni per farlo. Nel calcio, però, non c'è nulla di matematico. Mollerò soltanto quando riporterò il Catania a certi livelli».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×