Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sea Watch, il racconto delle ultime ore al porto di Catania
«Non siamo noi a infrangere la legge, lo fanno i governi»

Nei momenti immediatamente precedenti alla ripartenza dell'imbarcazione, MeridioNews è salito a bordo. Dalla cucina proveniva una canzone della resistenza tedesca. «È una nonna che dice alla nipote "Non avete imparato niente?"», spiegano. Guarda il video

Luisa Santangelo

«Noi non stiamo facendo nulla di male. Sono i Governi a infrangere la legge: possono passare tutte le elezioni del mondo, ma la legge del mare resta quella. Se c'è qualcuno da salvare, tu devi salvarlo. Non lo puoi scegliere, è un obbligo». Sulla Sea Watch 3 sono in corso i preparativi per la partenza dal porto di Catania. L'equipaggio lavora per sistemare le ultime cose, all'interno dell'infrastruttura arrivano le navi da guerra per una esercitazione militare e gli attivisti non sanno ancora quando potranno partire. Aspettano l'ultimo nullaosta dall'Olanda, lo Stato di bandiera, e dall'Italia che li ospita. È quasi ora di pranzo e dalla cucina, sottocoperta, viene il suono di una canzone tedesca: «È una vecchia canzone partigiana - spiegano i due componenti dell'equipaggio che preparano da mangiare - È una nonna che racconta la storia a sua nipote e le chiede: "Perché fate sempre gli stessi sbagli? Non avete imparato niente?" Mi viene la pelle d'oca tutte le volte che l'ascolto». «La presenza stessa della Sea Watch 3 al porto di Catania è resistenza», dichiara netta Haidi, olandese di nascita e mediatrice culturale, da sempre al lavoro con le organizzazioni non governative.

I componenti dell'equipaggio sono, per la maggior parte, giovani. Vengono dalla Germania, dall'Olanda, dal Belgio, dalla Gran Bretagna e, prima di imbarcarsi per soccorrere i migranti in mare, le loro vite erano diverse. Chi faceva la dottoressa in ospedale, chi il marinaio. «Ero sull'ultima imbarcazione di una ong arrivata in Italia senza problemi - racconta Dan, 34 anni, inglese - Siamo approdati il giorno dopo le elezioni e che le cose fossero cambiate era chiaro da subito». Così come per lui era chiaro che, prima o poi, un partito di destra anti-migranti avrebbe preso il potere anche nel nostro Paese: «L'Italia è stata lasciata da sola ad affrontare un problema troppo grande. Lo ha fatto meravigliosamente per tanto tempo, gli uomini della guardia costiera italiana sono stati dei veri eroi - prosegue - Però l'Europa non si è assunta le stesse responsabilità. In queste condizioni che il risentimento cresca è scontato. Le destre hanno una storia facile da vendere».

La nave, partita il 22 febbraio dal capoluogo etneo, arriverà a Marsiglia e lì si fermerà per qualche settimana, in un cantiere navale, per la manutenzione programmata. E non, com'è stato comunicato dalle autorità italiane, per sistemare i problemi di sicurezza emersi nel corso dei controlli di queste settimane. La Ong ha diffuso una nota con la quale denuncia le lungaggini sia dai Paesi Bassi sia dall'Italia, definendo il blocco «illegittimo». «Per 21 giorni le autorità italiane e olandesi hanno cercato ogni possibile pretesto per bloccare la nave in porto - si legge nel comunicato ufficiale - spostando l'attenzione su dettagli tecnici irrilevanti con l’evidente scopo di impedire la sua attività di soccorso in mare e cercando, in questo modo, di distogliere l’attenzione dalla tragedia che si svolge nel Mediterraneo centrale e in Libia, teatro di morte e abusi quotidiani». Gli stessi raccontati dalle centinaia di persone soccorse dopo i naufragi o in momenti di grave difficoltà.

«Ci dicono che siamo d'accordo con i trafficanti - conclude Haidi - perché troviamo i barconi e aiutiamo quelle persone. E che dovremmo dire, allora, delle centinaia di persone che non abbiamo trovato e che sono morte senza che se ne sappia nulla?». «I trafficanti - interviene Dan - restano al sicuro, in Libia, a contare i soldi. Molti migranti ci hanno raccontato che, quando sono sulla spiaggia, vengono loro mostrate delle luci e viene detto loro "Quella è l'Italia, è vicina". Ma le luci sono quelle delle piattaforme petrolifere a poche centinaia di metri dalla costa. Quando scoprono quanta strada hanno fatto, rimangono sconvolti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×