Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Roberto Abate spa, ordinato sequestro di patrimonio
Procura di Catania chiede il fallimento della società

La sezione fallimentare del tribunale di Catania ha disposto il sequestro dei beni mobili, immobili e dei conti correnti della società. All'inizio della settimana, i pubblici ministeri Regolo, Aliotta e Molè hanno chiesto il fallimento del gruppo

Luisa Santangelo

La sezione fallimentare del tribunale di Catania ha disposto il sequestro del patrimonio della Roberto Abate spa, colosso della grande distribuzione isolana. A dare la notizia è il giornale online Corriere etneo, secondo il quale sono stati anche sequestrati tutti i beni mobili, immobili e i conti correnti della società. Il tribunale sta inoltre prendendo in esame, proprio in questi giorni, la richiesta di fallimento del gruppo avanzata nel corso dell'udienza di lunedì dai pubblici ministeri Fabio Regolo, Fabrizio Aliotta e Rosaria Molè. Il tutto avviene dopo che, come raccontato da MeridioNews, il gruppo Abate spa ha presentato una richiesta di ammissione al concordato preventivo. Vale a dire un modo per ripianare una situazione debitoria sotto lo sguardo vigile dell'amministrazione giudiziaria.

In base a quanto verificato dai magistrati, però, le disponibilità liquide risulterebbero troppo basse (oltre 900mila euro) visti gli introiti derivanti dalla vendita del centro commerciale Etnapolis (adesso della banca d'affari statunitense Morgan Stanley) e della maggior parte dei supermercati a Ergon, gruppo Arena e gruppo Rocchetta. Nei confronti del gruppo Abate sarebbero state avanzate, sostiene sempre il Corriere etneo, nove richieste di fallimento. A vigilare sull'intera società per azioni, fino a questo momento, è stato il collegio dei sindaci: interamente composto da professionisti dello studio di Antonio Pogliese, padre del sindaco di Catania Salvo Pogliese, finito nelle scorse settimane agli arresti domiciliari con diversi suoi collaboratori.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×