Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, ormai è scontro frontale tra ultras e Lo Monaco
Contro Potenza e Juve Stabia assenti entrambe le curve

La frattura tra la dirigenza del club e gli ultras pare insanabile. I componenti delle curve si riuniranno domani in piazza Roma per «dare dimostrazione forte e precisa sulla vera identità del tifo». Si moltiplicano in città le scritte contro il dirigente campano

Giorgio Tosto

Il match di campionato contro il Potenza e la curiosità per l'esordio in panchina di Walter Novellino, in queste ore, sembrano quasi passare in secondo piano rispetto alla netta e aspra contrapposizione tra Pietro Lo Monaco, amministratore delegato del Calcio Catania, e i gruppi ultras che animano le curve. Una schermaglia dialettica che è notevolmente salita di tono in quest'ultima settimana, fino a deflagrare in prese di posizione clamorose. Un crescendo di tensione che, è bene precisarlo, non giova a una squadra che tenta di ritrovare serenità e sicurezze. 

Lo scorso venerdì 22 febbraio, con i calciatori in preparazione per la trasferta di Viterbo, Pietro Lo Monaco è intervenuto in sala stampa per fare il punto della situazione in un momento complicato: il direttore, in un duro sfogo, si è scagliato contro una parte della stampa e, soprattutto, il mondo degli ultras rossazzurri, con frasi non certo diplomatiche. «Ad oggi, abbiamo riscontrato un certo gusto sadico di distruggere le cose. Ci sono state critiche sia contro la Paganese che con la Casertana. Quelli additati da qualche giornalista come eroi fanno solo danni».

Un concetto rafforzato dopo la clamorosa debacle di Viterbo. Lo 0-2 ha portato all'esonero di Andrea Sottil e all'arrivo di mister Novellino. Nel corso della sua presentazione alla stampa, Lo Monaco ha nuovamente affrontato di petto la situazione: «Sono un ultras del Catania. Non si può definire ultras chi sullo 0-0 fischia il proprio giocatore che sta per battere un rigore: quelli che scrivono lettere e pregano affinché il Catania sbagli, per poi poterlo criticare, non sono tifosi. Quelli del 2 febbraio e degli incidenti di Lamezia - conclude Lo Monaco - non lo sono. La squadra non si ama in questa maniera».

La presa di posizione dei gruppi organizzati non si è fatta attendere. Con un comunicato congiunto, pubblicato sulla pagina Facebook «La domenica allo stadio», le curve Nord e Sud hanno dichiarato il giorno dopo la volontà di non entrare al Massimino per i match interni contro Potenza e Juve Stabia. «Le curve sono cultura, tradizione ed appartenenza di un popolo, amore per la propria terra e per la maglia. Gli ultras vanno “oltre” e vedono “al di là”. E quando le cose non vanno bene - continua il comunicato - alzano la voce per ricordare ai naviganti che se per loro il Catania è un lavoro, per noi è la nostra ragione di vita. Di comune accordo Sud e Nord comunicano che per le gare interne contro Potenza e Juve Stabia non entreranno. Per reagire a questo signore che si crede un “ultras”, a chi nei gradoni vede solamente un’alcova di teppisti senza amore patrio, sbagliato!»

Al comunicato ha fatto seguito una lettera aperta, indirizzata al presidente del Catania Davide Franco, in cui i gruppi organizzati delle curve ribadiscono come fino al momento in cui «Lo Monaco non verrà dalla proprietà invitato a moderare termini, toni e accuse, le due curve gli faranno la cortesia di non entrare più allo stadio. Non sia mai che di fronte a qualche fischio per un primo tempo deludente, possa uscire dalla sua bocca qualche altra castroneria». In città aumentano, nel frattempo, le scritte ingiuriose contro l'amministratore delegato della società di via Magenta. Episodi che rappresentano una ulteriore e deprecabile escalation, dopo la testa di maiale fatta ritrovare lo scorso dicembre sul prato dello stadio Massimino.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×