Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. M. La Scala, falso allarme su sagoma avvistata
Si trattava di un giubbotto logoro finito in mare

La segnalazione è arrivata da sommozzatori privati. Le ricerche sono state continuate dai vigili del fuoco. Alla fine però la speranza ha ceduto il passo allo scoramento. Guarda le foto

Foto di: Simone Olivelli

Foto di: Simone Olivelli

Ancora una volta si è trattato di un falso allarme. La sagoma avvistata a circa 16 metri di profondità nelle acque a largo di Santa Maria La Scala, era in realtà un giubbotto logoro. Come ha confermato il fratello di Enrico Cordella, Salvatore, il giubbotto non è del 22enne ancora disperso. È stata la segnalazione arrivata da un gruppo di sommozzatori privati ad avere riattivato le ricerche di Enrico Cordella, il 22enne di cui ancora non si trova il corpo dopo che è stato travolto dalla mareggiata di domenica scorsa sul molo della frazione marinara di Acireale mentre si trovava, all'interno di una Fiat Panda verde, con la fidanzata Margherita Quattrocchi e l'amico Lorenzo D'Agata. Di questi, i funerali sono stati celebrati lo scorso mercoledì.  

«Appena ci hanno avvertito, siamo arrivati. Speriamo sia lui», aveva detto a MeridioNews Salvatore, il fratello di Enrico, arrivato sul molo - che è stato chiuso - insieme a una cinquantina di altre persone. A portare avanti le ricerche del giovane sono stati i sommozzatori dei vigili del fuoco. Sul posto, intanto sono giunti anche i pompieri di Acireale, la polizia e i carabinieri oltre a una ambulanza del 118.

Le ricerche in mare da parte delle autorità sono state ufficialmente interrotte già da venerdì. Continuano invece quelle condotte per tutta la costa, fino ad Augusta (in provincia di Siracusa), da parte di molti volontari che hanno accolto gli appelli di Salvo Cordella - il fratello di Enrico - e del parroco Francesco Mazzoli. Oltre ai pescatori di Santa Maria La Scala e di Aci Trezza, tra i volontari ci sono anche sei sub che stanno procedendo con le immersioni anche insieme alle associazioni Life Onlus e Sigonella Scuba Club.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×