Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scenario pubblico, doppia esibizione sul palcoscenico
Tra pièce nuove e vecchie in scena tempo e maschere

Due performance, come sempre complementari. La prima dà spazio ai giovani della compagnia MoDem CZD; la seconda è di repertorio, datata 2009. In scena prima il tempo sociale di Amos Ben-Tal e poi la maschera di Roberto Zappalà

Foto di: Serena Nicoletti

Foto di: Serena Nicoletti

«C’è un tempo per seminare, uno per aspettare, un tempo negato e uno segreto, un altro distante e uno sognato che bisognava sognare», canta Ivano Fossati. È il tempo degli uomini ed il coreografo israeliano Amos Ben-Tal lo chiama Kairos: termine greco che indica il loro relazionarsi con esso. Parola che dà anche il titolo alla prima performance del weekend a Scenario pubblico, dove un quadrato tracciato sul palco scandisce l'interazione dei danzatori della giovane compagnia MoDem del gruppo Zappalà. A ciascuno è concesso un tempo per sé. Insieme ma da soli. A tempo e in tempo. A ognuno un mood soggettivo, con cui esprimere la propria relazione con la musica composta dal medesimo scenografo. Testo parlato e battito di orologio: un metronomo quasi umanizzato che non fa soltanto da sottofondo.

Un quadrato nel quale muoversi prima distintamente e poi sincronizzati: perché c'è un tempo per stare da soli e uno per stare con gli altri. Anche se questo Fossati non lo dice. Ma Amos Ben-Tal sì. «Il tempo ha due dimensioni: la speranza per il futuro ma anche la paura di ciò che può accadere», chiarisce dopo lo spettacolo. Poi una rottura con la prima parte: la corsa di una danzatrice fa da collante con una dimensione più tenue, in cui il tempo si dilata, quasi fino a scomparire. A conclusione capriole all’indietro, prive di spinta, così lentamente concesse soltanto dalla forza dell'addome. Quasi a dire che si torna sempre indietro. «I'm coming back to the start», canterebbero i Coldplay.

Sul palco presente e passato. La seconda esibizione risale al 2009 ed è d'impatto, carica di una identità scenografica e musicale molto forte. Una esplorazione del compositore John Cage, che dà il nome all'opera: Corpo Cage, di Roberto Zappalà. Una scelta musicale rinvigorita visivamente da quella dei colori: beige e rosso su tutti gli esecutori. A eccezione di un personaggio fuori campo: una maschera bianca, che ad un certo punto – finalmente - irrompe nell'arena e danza insieme agli altri . Poi però rimane a terra. Forse schiacciato dal peso della maschera, troppo pesante da portare. Sarà per questo che alla fine si scioglie. A trionfo dell'autenticità.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×