Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Morbillo: 15 casi nel Catanese, undici sono a Caltagirone
«Non raggiunta immunità di gregge ma non c'è allarme»

Sono giovani tra i 20 e i 30 anni. Sull'Isola non si ha la copertura di vaccini che garantisca di evitare la malattia a chi non è vaccinato. «Servono sensibilità politica e campagne mirate», afferma il referente Sicurezza sanitaria regionale Sergio Pintaudi

Marta Silvestre

Undici casi all'ospedale di Caltagirone, uno al Cannizzaro di Catania, uno al Policlinico e due al Garibaldi Nesima. Sono i dati sul morbillo in provincia di Catania. «È un fenomeno che, fino a quando non ci saranno le nuove generazioni tutte vaccinate, si verificherà sempre. In particolare, qui c'è un focus perché non si è raggiunta l'immunità di gregge». È Sergio Pintaudi, il referente per la Sicurezza sanitaria regionale e direttore del dipartimento Emergenza all'ospedale Garibaldi di Catania a spiegare a MeridioNews che in Sicilia per il morbillo si resta al di sotto della soglia di vaccinazione di gregge, ovvero la percentuale di persone vaccinate che riesce a garantire di evitare la malattia anche a chi non lo è. 

Durante lo scorso mese di gennaio, su 163 casi nazionali, solo tre sono stati registrati sull'Isola. A febbraio, come riporta oggi La Sicilia, i numeri sono saliti ma dall'Asp etnea parlano di una «recrudescenza in tutta Italia». Nel Catanese si tratta soprattutto di giovani tra i 20 e i 30 anni, nati negli anni in cui il vaccino per il morbillo non era già più obbligatorio. In particolare, all'ospedale di Caltagirone - dove gli undici casi provengono anche da altri territori come l'Ennese - a essere ricoverati sono infatti «ragazzi fuori dall'obbligo vaccinale dai 25 ai 30 anni. Due di questi - confermano dall'Asp a MeridioNews - sono arrivati con insufficienze respiratorie poi superate». 

All'ospedale Cannizzaro di Catania a febbraio è stato diagnosticato un solo caso a un ragazzo ventenne che, non avendo avuto nessuna complicazione, è stato dimesso. Al Garibaldi Nesima a essere ricoverato in Malattie infettive, al momento, è un uomo di 31 anni con «un caso severo di morbillo che quando è arrivato aveva anche difficoltà a respirare ma, adesso, sta meglio e non è in pericolo di vita», fanno sapere da fonti del nosocomio. Il secondo caso è una donna arrivata in mattinata al Pronto soccorso cui è stato diagnosticato il morbillo e che è stata ricoverata. «Non c'è un allarme - dicono dalla struttura ospedaliera - è un trend che si mantiene più o meno costante, abbiamo avuto casi di morbillo anche nelle scorse settimane». 

Nessun allarme e nessun allarmismo, quindi «anche se sarebbe bene se ci fosse una vera sensibilità sull'argomento anche a livello politico con delle serie campagne mirate di sensibilizzazione - afferma Pintaudi - Oltre a questo i no-vax dovrebbero capire che non si muore di morbillo ma le sue complicanze possono essere determinanti specie in soggetti più deboli». Lo scorso anno quasi un caso su due si è registrato in Sicilia e a Catania sono morti quattro adulti e un bambino, tutti soggetti fragili o giù debilitati da altre patologie: una donna di 38 anni a gennaio, una giovane di 25 anni a marzo e il bambino di dieci mesi ad aprile. Nel settembre dell'anno prima era deceduto nel capoluogo etneo anche un 42enne agrigentino. Tutti soggetti fragili o già debilitati da altre patologie. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×