Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Zafferana Etnea, la vigilia elettorale post-terremoto
Russo-Coco duello possibile. Dubbi Scalia e grillini

L'assessore ai Lavori pubblici avrebbe scalzato Giovanni Di Prima e potrebbe trovarsi come unica sfidante la figlia dell'ex sindaco. Alternative che non piacciono a chi spera ancora nell'ex procuratore, a partire dall'ex deputato Alfio Barbagallo. Stallo nell'M5s

Francesco Vasta

Quando, subito dopo le scosse, circolava quella voce, priva di ogni fondamento - «Rinvieranno le elezioni perché c’è stato il terremoto» - molti quasi tiravano un sospiro di sollievo. Aneddoto che la dice lunga sul clima in cui pare essersi incagliata la politica a Zafferana Etnea. Manca meno di un mese alla presentazione delle liste per le Comunali - si vota il 28 aprile - eppure le operazioni propedeutiche sono avvolte da una bolla di circospezione. A partire dallo scenario più stuzzicante, la fine dei tentennamenti dell’ex procuratore Salvatore Scalia. Colui che, da quel terribile 26 dicembre, è diventato la voce dei terremotati, nei panni di presidente del comitato cittadino di Fleri e Pisano. Finora il magistrato in pensione ha sempre allontanato una candidatura a sindaco in cui, tuttavia, vari pezzi di società zafferanese continuano a sperare. E a pressare, di conseguenza, sull’uomo che ha dato alle vittime del sisma una tanto apprezzata veste di garbo e sobrietà, non senza pragmatismo.

L’ipotesi rimane comunque impaludata in un quadro di generale cautela, imparentato con la reticenza. Uno degli effetti, qualcuno azzarda, dei lunghi anni sotto il «partito unico» di Alfio Vincenzo Russo, il sindaco che lascia dopo dieci anni di regno, di cui cinque condotti senza opposizione in un Consiglio che ha finito addirittura per autodistruggersiLe dimissioni di massa dei consiglieri, seguite alle liti nella maggioranza delle elezioni del 2014, quelle con la sola lista di Alfio Russo in campo, paiono aver fatto piazza pulita del vecchio ceto di amministratori. 

Ad andarci di mezzo, sembrerebbe, è innanzitutto colui che per anni è stato considerato l’erede naturale del sindaco, Giovanni Di Prima. Vicino al deputato Ars del Pd Anthony Barbagallo, l'attuale vicesindaco si è ritirato dalla corsa «sfiduciato» dai troppi mugugni sul suo nome.  Ad avvantaggiarsene un altro uscente, l’assessore ai Lavori pubblici Salvo Russo. Dalla sua ci sarebbe un profilo ritenuto più aggregante, oltre alla simpatia del primo cittadino uscente e dei locali esponenti di Forza Italia. E malgrado la continuità di fatto con la giunta uscente, l’idea di Russo sarebbe di dare al gruppo nuova identità, a partire dai nomi in lista. Fra gli ex consiglieri dovrebbe esserci il solo Sergio Alampo, mentre fra le novità si parla del presidente del Comitato dell’Ottobrata, Salvo Coco.

L’imperativo, al momento, resta appunto la circospezione. Lo spirito con cui l’altro nome più accreditato in campo pare altresì muoversi, ovvero Rosaria Coco. In passato consigliera comunale, figlia di Alfio Coco, sindaco negli anni Sessanta, vanta un rapporto di lunga durata con l’ex senatore Pino Firrarello, nelle ultime settimane spesso avvistato a Zafferana Etnea. La candidatura Coco è ipotesi concreta da tempo, di giorno in giorno in via di rafforzamento ponendosi come l’unica vera alternativa alla continuità con l’amministrazione uscente. Un altro polo avrebbe voluto crearlo Mario Torrisi, sfidante di Alfio Russo nel 2009 da candidato dell’allora Pdl, ma il suo attivismo non sta riuscendo a tradursi in lista vera e propria. Analogo destino parrebbe toccare alla potenziale lista del Movimento 5 stelle. Il meet up locale – uno dei volti è l’attivista Paola Lo Re, protagonista di un confronto a muso duro con il vicepremier Luigi Di Maio durante la visita a Fleri - si troverebbe stretto nella carenza di potenziali candidati. «Ma la lista è confermata, ho avuto rassicurazioni dagli attivisti di Zafferana», dice il senatore giarrese Cristiano Anastasi, in contatto con il gruppo.

Fuori dai due nomi più accreditati, si entra nel campo di ulteriori incognite. La più grossa risponde all’esponente Udc - oltre tremila voti alle ultime Regionali - Alfio Barbagallo. Già onorevole per un anno e mezzo in era Crocetta, tempo sufficiente per guadagnarsi una notorietà suo malgrado nazionale grazie al suo discorso-gaffe d’esordio. Il suo radicamento è forte, specie nelle frazioni terremotate dove ha tanto contribuito alla nascita del comitato presieduto da Scalia. Senza il procuratore in campo – ed esclusa sia la candidatura in prima persona che quella del suo fedelissimo, il commercialista Giuseppe Messina - restano tutte da decifrare le sue eventuali mosse elettorali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews