Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calatabiano, 12 sporcaccioni beccati dalle telecamere

Redazione

Proseguono i controlli sul territorio, disposti dall’amministrazione comunale di Calatabiano, per individuare quei cittadini che continuano a lasciare rifiuti in modo indiscriminato, alimentando la formazione di micro discariche. L’attività di monitoraggio, effettuata dal corpo della polizia locale, dal personale comunale e della ditta Clean Up, con l’ausilio di 6 telecamere mobili, ha permesso di “pizzicare” nuovi sporcaccioni. Sono 12 le persone riprese, sia a bordo di mezzi che a piedi, mentre abbandonano i rifiuti in diversi siti del centro cittadino. Ognuna di loro dovrà pagare una sanzione amministrativa dell’importo di 50 euro.

«Da qualche mese abbiamo intensificato i controlli per il corretto conferimento dei rifiuti e stiamo continuando quest’attività che ha già prodotto ottimi risultati - afferma il comandante della Polizia Locale, Carmelo Paone - In questi giorni, grazie al materiale video in nostro possesso, stiamo identificando i trasgressori ai quali verrà notificata la sanzione amministrativa per abbandono di rifiuti. Con l’avvicinarsi dei mesi estivi, data la maggiore affluenza di turisti e visitatori sul territorio, potenzieremo il servizio sia in termini di personale, che di mezzi a nostra disposizione per contrastare questo grave fenomeno».

(Fonte: Ufficio stampa Comune di Calatabiano)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×